Privacy Policy

Come è umana l’Unione Europea… Prorogate di un altro anno le sanzioni alla Siria. Ignorati gli appelli dell’ONU

Con un gesto di grande natura “umanitaria” l’Unione Europea proroga di un altro anno le sanzioni alla Siria, stremata da 7 anni di guerra. L’Onu aveva avvisato che le sanzioni Occidentali aumentano le sofferenze del popolo siriano.

L’Unione Europea non si ferma ad affamare e impoverire i popolo europei con i suoi diktat economici ma inferisce sulle sofferenze del popolo siriano stremato da 7 anni di guerra prorogando di un altro anno le sanzioni contro la Siria.

L’elenco dei colpiti dalle sanzioni includono anche 259 persone alle quali sono vietati i viaggio da e verso l’Unione europea (UE) e le cui attività sono state congelate in blocco, così come 67 organizzazioni, il tutto in risposta alla “violenta repressione la popolazione civile ” in Siria.

Di recente, l’UE ha aggiunto un alto numero di militari e tre scienziati alla sua lista di sanzioni a causa del suo presunto “coinvolgimento nello sviluppo e nell’uso di armi chimiche contro la popolazione civile”.

“In considerazione della continua repressione contro la popolazione civile, l’UE ha deciso di mantenere le sue misure restrittive contro il regime siriano e dei suoi sostenitori,” si legge nella dichiarazione a margine della riunione dei ministri degli Esteri tenutasi a Bruxelles.

Sebbene i ministri abbiano preso la decisione ieri, la proroga entrerà ufficialmente in vigore oggi, con la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE.

Le sanzioni in vigore contro la Siria includono embargo sul petrolio, il congelamento dei beni della Banca centrale siriana, restrizioni in materia di partecipazioni e l’esportazione di attrezzature e tecnologie “che potrebbero essere utilizzati per la repressione interna” di sorveglianza o di intercettazione delle comunicazioni telefoniche o del traffico digitale.

Il 29 maggio l’UE ha prorogato fino al 1° giugno 2018 le sanzioni contro il governo siriano. Poco prima, gli Stati Uniti avevano imposto nuove sanzioni contro cinque entità e cinque personalità siriane, compresi i parenti di Assad.

La Russia, alleata della Siria nella lotta contro il terrorismo, denuncia che queste sanzioni non fanno altro che ostacolare la situazione umanitaria in Siria.

Idriss Jazairy, relatore speciale delle Nazioni Unite (ONU) sui diritti umani e le sanzioni internazionali, lo scorso 18 maggio, ha lamentato che le sanzioni occidentali aggravano la situazione del popolo siriano. “Non voglio sottovalutare il ruolo del conflitto nel creare questa situazione orribile, ma voglio sottolineare che le misure restrittive peggiorano solo la situazione”, dichiarò Jazairy.

Fonte L’Antidiplomatico

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: