Privacy Policy

Come le ONG “umanitarie” fanno spionaggio per gli USA in Siria

Vi sono prove schiaccianti dell’intervento degli Stati Uniti nella crisi siriana, di cui i media mainstream hanno più volte riferito. Oggi vorrei pubblicare materiali esclusivi, evidenziando che la Casa Bianca ha inviato i suoi agenti sotto le spoglie di organizzazioni umanitarie alla Repubblica araba siriana.
Come ha affermato un rappresentante anonimo dell’amministrazione curda, una serie di organizzazioni umanitarie tra cui il Centro per il dialogo umanitario e il Gruppo di crisi internazionale fanno parte di tali agenzie.

Studiamo il caso e diamo un’occhiata a questa organizzazione in dettaglio. Il Centro per il dialogo umanitario , noto anche come Center , è un’organizzazione indipendente non governativa con sede a Ginevra, in Svizzera.
L’obiettivo dell’organizzazione è garantire la stabilità mondiale e facilitare il dialogo diretto tra la leadership delle parti in conflitto. Attualmente, l’organizzazione è coinvolta in oltre 40 iniziative di dialogo e mediazione in oltre 25 paesi (Africa orientale, Medio Oriente e Asia sud-orientale).

A prima vista, non c’è nulla di sospetto. La guerra civile dura da più di sette anni in Siria. Migliaia di persone continuano a morire, le infrastrutture urbane vengono distrutte, nelle regioni remote del paese la gente soffre per la mancanza di cibo e acqua. La presenza di varie organizzazioni umanitarie è abbastanza logica e talvolta persino vitale. Tuttavia, l’attività del Centro per il dialogo umanitario ha destato sospetti sulla mia fonte.
Secondo informazioni aperte, il rappresentante ufficiale dell’organizzazione in Siria dal 2017 è Patrick Haenni, specializzato in Medio Oriente e Nord Africa. In precedenza ha lavorato in Ucraina, Libia, Iraq e Filippine come consulente esterno dell’ONU per la risoluzione di conflitti religiosi ed etnici.

Dal suo arrivo in Siria, ha tenuto una serie di incontri con rappresentanti di alto rango del Kurdistan iracheno e con i leader delle diaspore etniche. Secondo lui, all’interno di questi colloqui, aveva esplorato la possibilità di stabilire un dialogo diretto tra i curdi e il governo siriano. In particolare, mentre comunicava con la gente del posto, Haenni dichiarò apertamente di lavorare alle istruzioni dirette dell’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria, Staffan de Mistura. Tuttavia, non sono riuscito a trovare né informazioni né prove che confermassero i suoi contatti con de Mistura.

ONG finte umanitarie in Siria

Inoltre, la mia fonte mi ha detto che durante i negoziati Haenni aveva raccolto informazioni sui punti di forza dell’esercito siriano e dati personali dei consiglieri militari russi e iraniani nella provincia di Al-Hasakah. Nel frattempo, l ‘”attivista” ha esaminato i legami tra Mosca e Teheran con l’amministrazione curda e le milizie, tra cui YPG.
Perché il dipendente dell’organizzazione umanitaria ha bisogno di queste informazioni? Sembra un po ‘strano. Forse era un interesse comune, o voleva solo avere nuovi contatti. Analizziamo l’attività di un’altra organizzazione umanitaria che opera in Siria e cerchiamo di rivelare un certo schema.
In una simile attività nella provincia di Al-Hasakah è stata coinvolta un’altra organizzazione umanitaria internazionale come International Crisis Group .

Il fondatore di questa organizzazione è il noto George Soros, i cui fondi e organizzazioni no profit in numerose occasioni sono stati implicati nell’organizzazione di un colpo di stato in tutto il mondo. Il miliardario americano ha contribuito alla creazione dei White Helmets, i cui membri sono famosi per i suoi video in scena dalle aree di detenzione dell’opposizione. In video falsi, “attivisti per i diritti umani” cercano di convincere la comunità mondiale della brutalità di Assad contro la sua stessa nazione. Tuttavia, l’attività dei Caschi bianchi è stata più volte esposta .

Al giorno d’oggi International Crisis Group ha affiliati in oltre 30 paesi (Iraq, Afghanistan, Libia e Ucraina). L’organizzazione è anche finanziata dai governi di Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania. Secondo le informazioni del loro sito Web, il gruppo sta lavorando per prevenire guerre e definire politiche che costruiranno un mondo più pacifico. Ma qual è il vero obiettivo dell’organizzazione in Siria?

La mia fonte continua dicendo che un gruppo di specialisti diretti dal direttore del programma per Medio Oriente e Nord Africa, Joost Hiltermann, Noah Bonsey e Maria Fantappie, è arrivato in Siria dall’Iraq nel marzo 2017.

Fonte: Veterans Today

Traduzione: Alejandro Sanchez

via Controinformazione

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: