Privacy Policy

Il dispositivo che crea cibo ultra-nutriente e aria pulita dalle alghe

L’agricoltura industriale è una delle principali fonti di emissioni di gas serra – ma se esistesse un modo per produrre alimenti in modo sostenibile mentre ed al contempo risolvere alcuni dei problemi ambientali più difficili del mondo? Questo è ciò che la gente di SPACE10 , un laboratorio di vita futura con sede a Copenaghen, ha affrontato con l’avveniristica Algae Dome, un edificio di produzione alimentare alto quattro metri chepompa ossigeno in un sistema a circuito chiuso. Alimentato dall’energia solare, 6l’Algae Dome è un sistema alimentare sostenibile e iper-locale che può spuntare quasi ovunque con un impatto minimo sull’ambiente.

Gli architetti Aleksander WadasRafal WroblewskiAnna Stempniewicz e il bioingegnere Keenan Pinto hanno creato la Algae Dome, presentata alla fiera d’arte CHART a Copenaghen la scorsa settimana. Anche se SPACE10 ha già sperimentato microgreens in crescita, il team punta a un cibo ancora più piccolo con le alghe Dome-micro-alghe. Elogiato come futuro “superalimento”, si dice che le microalghe contengano il doppio di proteine ​​rispetto alla carne ed è ricco di vitamine e minerali, con più carotenedelle carote e più ferro di quello trovato negli spinaci, secondo SPACE10. Anche meglio? Le microalghe sono tra gli organismi in più rapida crescita al mondo e possono essere coltivate con sole e acqua quasi ovunque, il tutto mentre si risucchia anidride carbonica ed espellendo ossigeno nel processo.

Durante la fiera d’arte di tre giorni CHART, la Algae Dome ha prodotto 450 litri di microalghe e ha fornito un’esperienza architettonica interattiva che faceva parte del sistema alimentare, del mobile in parte e del tutto educativo. La grande quantità di cibo è stata prodotta in una quantità sorprendentemente piccola di spazio grazie al design che caratterizzava 320 metri di tubi a spirale, mostrando il flusso di microalghe verde smeraldo. I visitatori sono stati invitati a sedersi all’interno del padiglione e godersi una “boccata d’aria fresca” creata dalle microalghe mentre convertiva l’anidride carbonica in ossigeno. I pacchetti di deliziosi chip spirulina (un tipo di alghe blu-verdi), creati dallo chef-in-residence di SPACE10, Simon Perez, sono stati posizionati attorno al padiglione per offrire ai passanti la possibilità di provare il superalimento.

“In futuro, diverse specie di microalghe potrebbero essere utilizzate come una forma di cibo ricco di nutrienti, come sostituto delle proteine ​​di soia nei mangimi per animali, nello sviluppo di biocarburanti, come un modo per ridurre l’anidride carbonica e altri gas serra dal atmosfera e come metodo di trattamento delle acque reflue industriali “, ha affermato SPACE10. “In altre parole, le microalghe potrebbero aiutare a combattere la malnutrizione, ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili , contribuire a fermare la distruzione della foresta pluviale, migliorare la qualità dell’aria e ridurre l’inquinamento. Non c’è da stupirsi che le microalghe siano state soprannominate il super raccolto sostenibile del futuro”. SPACE10 vede l’Algae Dome come il prototipo di un’architettura di produzione alimentare che potrebbe apparire praticamente ovunque, dalle fermate dell’autobus ai complessi di appartamenti. Video:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

L’articolo Il dispositivo che crea cibo ultra-nutriente e aria pulita dalle alghe proviene da Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: