Privacy Policy

La prima casa al mondo realizzata con paglia di canapa

Ci sono quelle costruite in paglia (di grano), terra cruda o canapa e calce, ma nessuno, fino ad oggi aveva mai pensato di realizzare una casa utilizzando la paglia derivata dalla pianta di canapa. Il primo esempio al mondo di un’abitazione realizzata con questo tipo di materiale è nata nelle Marche, nell’azienda agricola di Antonio Trionfi Honorati che, dopo essersi dedicato per anni all’agricoltura ed alla canapa da seme per produzioni alimentari, ha rispolverato la laurea in architettura per coinvolgere un gruppo di amici ed autocostruire questo piccolo gioiello di bioedilizia nei terreni dove sorge l’azienda.

A parte il canapulo utilizzato per le finiture, prodotta in Puglia da South Hemp Tecno, tutti i materiali sono a chilometro zero. Le paglie di canapa anche meno, visto che provengono dal campo cha sta accanto alla casetta. Oltre all’isolamento ed ai benefici di vivibilitàche riesce garantire questo tipo di materiale a chi la abita, le capacità antisismiche sono già state ampiamente testate: la casa ha resistito senza riportare alcun danno ad entrambi i terremoti che hanno colpito la zona ad agosto ed ottobre 2016.

La costruzione del tetto

Presentata per la prima volta alla conferenza dell’EIHA a Colonia poco tempo fa, dove ha lasciato interdetti i grandi costruttori, è stata raccontata dalla rivista di architettura “Mappe”, mentre è in attesa che i tecnici dell’ENEA di Brindisi si rechino sul posto per installare dei sensori e verificarne l’isolamento ed i dati tecnici.
Una piccola casa nata da una grande idea, che può essere un esempio di edilizia sostenibile a basso costo (circa 30mila euro per la realizzazione di un’abitazione di 45 metri quadrati) che si può rivelare come un volano per l’utilizzo delle paglia di canapache ad oggi spesso non vengono utilizzate dai coltivatori.

Nella prima casa al mondo realizzata con paglie di canapa hanno trovato spazio, l’uno accanto all’altra, un antico telaio per filare la fibra del 1800 ed una moderna stampante in 3D, fatta in canapa e che stampa la bioplastica derivata da questo vegetale.

La casetta sotto la neve

“Nel 2016 abbiamo fatto le balle di canapa che abbiamo utilizzato per realizzare la struttura”, racconta Antonio Trionfi Honorati a canapaindustriale.it. “La struttura portante è in legno ed i tamponamenti sono stati effettuati con le balle di canapa da 20 chilogrammi usate come riempitivo al posto dei mattoni e poi intonacate con calce e canapa e pavimento in cocciopesto“.

“E’ una casa realizzata praticamente a chilometro zero, visto che il campo di canapa si trova a 150 metri dalla struttura. I costi sono stati ridicoli visto che ho speso circa 30mila euro per realizzare una casa di 45 metri quadrati, sotto gli 800 euro al metro quadro, per un’abitazione finita. Non è previsto il riscaldamento perché alla peggio basta una piccola stufa a pellet per riscaldare tutto l’ambiente ed è anallergicaautoestinguente (che non permette la propagazione del fuoco in caso di incendio, ndr), isolante e “morbida”, all’interno quando si passa la mano sui muri la sensazione è molto piacevole”.

Gli interni

E le caratteristiche antisismiche sono state verificate direttamente: “Le balle sono incastrate tra un montante e l’altro e l’anno scorso, che abbiamo subito due terremoti, avevo accanto i trattori che ballavano mentre la casa non ha nemmeno cigolato: le balle sono elastiche ed ammortizzano le scosse e le sollecitazioni”.

Il progetto è stato portato anche in Regioneproponendo l’abitazione come ipotesi di costruzione post sisma: “Se invece di buttare i soldi la Regione finanziasse degli agricoltori affinché coltivino canapa, si potrebbe poi raccogliere ad esempio il seme ad uso alimentare e dall’altra parte con le paglie iniziare a ricostruire ad esempio le stalle degli allevatori per poi passare all’edilizia civile”.

E’ la prima casa costruita con le paglie di canapa?
E’ la prima al mondo in assoluto, abbiamo fatto diverse ricerche e non esiste nulla di simile: ce ne sono diverse in paglia di grano ma nessuna in paglia di canapa intonacata in calce e canapa.

Cosa farete all’interno?

Il telaio con la nostra rivista in esposizione

Allestiremo un’esposizione per la vendita dei prodotti alimentari derivati dalla canapa che produciamo in azienda. Inoltre abbiamo creato un piccolo museo: partiamo dai vecchi strumenti come la gramola, per passare ad un telaio dell’800 che ha accanto una moderna stampante in 3d fatta in canapa che usa il filamento di Kanèsis in bioplastica derivata sempre da questa pianta.

Il canapulo per cosa l’avete utilizzato?
Per tutta le parte degli intonaci. Sono due tipi diversi di canapulo uno più grossolano e l’altro più fine che abbiamo usato per le finiture.
In generale in un giorno e mezzo abbiamo messo tutte le balle di canapa, quindi la messa in opera è molto veloce ed il muro di 60 centimetri di spessore garantisce un ottimo isolamento. Inoltre, prima di intonacare, il muro è rimasto aperto e c’erano solo le balle di canapa: non c’era nessun topo perché evidentemente la canapa li respinge come fa con i cinghiali. Invece nelle case in paglia di grano c’è sempre il rischio che i topi vadano a fare le cove. E’ veramente bella e prestante, speriamo sia un progetto che venga sviluppato. Il metodo è semplicissimo è può essere utilizzato anche da gruppi di amici in ottica di autocostruire le proprie abitazioni.
Può anche essere un impulso a far crescere l’utilizzo delle paglie che spesso rimangono inutilizzate, dando uno stimolo a costruire in maniera sostenibile.

Mario Catania Fonte Canapa Industriale

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: