Privacy Policy

Vaccini: il Codacons rende pubblici i dati dell’Aifa sulle reazioni avverse (22.000 casi in 3 anni!) e denuncia il Ministro Lorenzin per abuso d’ufficio.

Vaccini: ecco i dati sulle reazioni avverse raccolti dal Codacons – articolo di Emilia Romagna Mamma

Ti potrebbe interessare anche Vaccini: quando le reazioni avverse capitano alla figlia di un giornalista

Vaccini: il Codacons rende pubblici i dati dell’Aifa sulle reazioni avverse (22.000 casi in 3 anni!) e denuncia il Ministro Lorenzin per abuso d’ufficio, omesso controllo e favoreggiamento alle case farmaceutiche!!

Sui vaccini è battaglia legale fra il Codacons e le autorità. Da una parte l’associazione dei consumatori, dall’altra il ministero della Salute e l’Agenzia per il farmaco.

La prima ha denunciato l’Aifa e il ministro Beatrice Lorenzin per abuso d’ufficio, omesso controllo e favoreggiamento alle case farmaceutiche interessate alla somministrazione dei vaccini, in relazione alla morte di cinque neonati.

In particolare il Codacons accusa la Lorenzin di non aver informato gli altri ministri, al momento dell’approvazione del decreto sui vaccini, dell’esistenza “di un documento dell’Aifa sulle reazioni avverse”.

Dal canto suo l’Aifa ha dato mandato ai proprio legali “di difendere contro il Codancons, in ogni forma e in ogni sede, la verità scientifica, la realtà dei dati, la qualità dell’operato del lavoro svolto dall’Agenzia”.

I dati presentati dal Codacons questa mattina dicono che le segnalazioni di sospette reazioni avverse ai vaccini sono state 21.658 nel triennio 2014-2016.

Prima di scendere nel dettaglio il Codacons ha voluto ribadire ancora una volta che l’associazione non è contro i vaccini: “Chiunque a partire dall’Aifa dovesse ancora affermare che il Codacons è contro i vaccini sarà immediatamente querelato per diffamazione e per strumentalizzazione diretta a favorire le case farmaceutiche attraverso affermazioni false”.

I consumatori infatti auspicano “vaccini singoli, sicuri, testati ed adeguate indagini pre vaccinali“.

Il Codacons ha riferito che i cinque casi di bambini morti fra il 2014 e il 2016 sono al vaglio della procura di Torino che sta indagando a seguito di una denuncia della stessa associazione di consumatori.

Sotto accusa il vaccino esavalente Infanrix: “L’Aifa sostiene che ciò non ha nulla a che fare con il farmaco, ma l’autorità giudiziaria deve indagare”, specifica il Codacons.

Precisamente l’Aifa, nel documento citato dal Codacons, ha scritto: “Non esiste alcuna relazione causale tra l’esposizione ai vaccini e la sindrome dei morte improvvisa del lattante (Sids) e l’incidenza di quest’ultima è la stessa sia in presenza che in assenza di vaccinazione.

Il fatto che una Sids si possa verificare a breve distanza dalla vaccinazione non implica quindi alcun rapporto di causa-effetto”.

Il Codacons però ribadisce che l’ultima parola sarà della magistratura ed in ogni caso non c’è stata sufficiente comunicazione: “L’organismo ha il dovere di comunicare tutte le informazioni sulle reazioni avverse, sia dal punto di vista dei farmaci, sia dal punto di vista dei vaccini”.

Delle 21.658 segnalazioni di sospette reazioni avverse ai vaccini nel triennio 2014-2016, il Codacons specifica che 3.351 sono relative al solo vaccino esavalente.

Nel dettaglio, nel 2014 sono state “8.182 le segnalazioni per vaccini ritenuti sospetti rilevate dall’Osservatorio sull’impiego dei medicinali (Osmed) e 1.857 quelle per il vaccino esavalente comunicate da Aifa, di cui 168 gravi.

Nel 2015 sono state 7.892 le segnalazioni da vaccini rilevate dall’Osmed e 992 quelle da esavalente comunicate da Aifa, di cui 144 gravi.

Mentre nel 2016 le segnalazioni da esavalente comunicate da Aifa ammontano a 702, di cui 142 gravi”.

Tra le patologie principali riscontrate a seguito della somministrazione del vaccino esavalente vi sono “patologie del sistema nervoso, disturbi psichiatrici, patologie della cute e del tessuto sottocutaneo, patologie gastrointestinali e vascolari, disturbi del metabolismo e della nutrizione”.

Il presidente nazionale Codacons, Carlo Rienzi, spiega: “Non si possono rendere obbligatori i vaccini laddove non c’è pericolo di epidemie né un calo percentuale delle vaccinazioni.

Poi c’è bisogno di organizzazione, se si volessero fare solo indagini pre-vaccinali si bloccherebbe per due anni il servizio sanitario nazionale”.

L’Agenzia del farmaco, ribadendo la volontà di adire le vie legali, ha commentato così: “Le affermazioni del presidente del Codacons Carlo Rienzi diffondono dubbi e incertezze che non trovano fondamento nella scienza, e l’attività di farmacovigilanza, e nello specifico di vaccinovigilanza, svolta dall’Agenzia conferma la verità scientifica attraverso un’attività quotidiana di monitoraggio”. Fonte – tratto da Vivere in modo naturale

Loading...

11 pensieri riguardo “Vaccini: il Codacons rende pubblici i dati dell’Aifa sulle reazioni avverse (22.000 casi in 3 anni!) e denuncia il Ministro Lorenzin per abuso d’ufficio.

  • giugno 30, 2018 in 12:09 pm
    Permalink

    E’ difficile giudicare, ma se i numeri sono esatti bisogna fare un esame approfondito della materia e non emanare sentenze per tv ingannando chi ascolta. Se qualcuno ha un briciolo di coscienza sappia che è con la vita di piccoli bambini che non hanno alcuna colpa delle diatribe politiche del nostro paese, quindi datevi un regolata e fateci sapere la verità su questi benedetti vaccini.

    Risposta
  • luglio 4, 2018 in 5:42 am
    Permalink

    Fermi tutti anche mio figlio è in quel numero ma sta bene…reazioni avverse significa che ha avuto una reazione anomala rispetto allo standard e va segnalata…quante volte prendendo l’ aulin o l’ oki avete vomitato o siete stati male?

    Risposta
    • luglio 6, 2018 in 9:35 am
      Permalink

      Infatti l’aulin lo usiamo solo noi in Italia…

      Risposta
      • luglio 23, 2018 in 11:01 pm
        Permalink

        bel esempio quello del Aulin. Complimenti. Te si che ne capisci. è bannato in mezzo mondo mentre in italia lo si prescrive come il buongiorno.

        Risposta
    • luglio 12, 2018 in 12:29 pm
      Permalink

      Vomito o lieve malessere sono reazioni avverse normali,quelle gravi sono ben altre,leggi bene per favore.

      Risposta
    • luglio 24, 2018 in 5:10 pm
      Permalink

      Quindi secondo Lenny la notizia sopra riportata si riferisce a semplici controindicazioni? Non credi (e scusami se dò del tu) che per iniziare una guerra giudiziaria Codacons, Aifa, Lorenzin e chissà quanti altri ne verranno fuori; si tratti di reazioni che abbiano messo a rischio la vita dei bimbi sopra citati o addirittura aver creato problemi irreversibili? Io trovo poco appropriato la superficialità con la quale hai descritto la tua visione dell’ articolo. Comunque solo il tempo poi (e non è detto) dirà dove stà la verità.

      Risposta
  • luglio 12, 2018 in 4:55 pm
    Permalink

    non è mai stata fatta chiarezza completa sui vaccini eppure c’è una scienza che dovrebbe spiegare bene e senza mezzi termini ! In tv non si è fatto parlare il medico contro i vaccini , lo si è censurato e questo per chi ha visto ha fatto sorgere dei dubbi. Credo che sia giusto che una volta per tutte siano ascoltati tutti gli scienziati e gli studiosi dei vaccini non solo quelli a favore.

    Risposta
  • luglio 24, 2018 in 2:42 pm
    Permalink

    Scusate eh… ma il ministro che nasconde le segnalazioni?

    Risposta
  • agosto 3, 2018 in 7:46 am
    Permalink

    siamo solo all’inizio dell’allerta vaccini. La verità sarà chiara fra due tre anni. allora chi ha sbagliato dovrà rispondere a Dio e all’Uomo . Non si scherza con il sistema immunitario immaturo. Lo sanno tutti i medici, i biologi i farmacisti . Le analisi prevaccinali negli immaturi è un obbligo morale. La categoria dei medici si è fatta sottomettere dai politici. Che tempi bui.
    Romano – Biologo

    Risposta
  • settembre 4, 2018 in 12:22 am
    Permalink

    Il problema è meramente di natura economica…. Dopo aver chiamato il numero 1500 ed aver chiesto lumi sui richiami da fare a mia figlia ho chiesto a mia volta cosa ne pensavano di Ranieri Guerra e se sapevano chi era alla mia domanda la dottoressa ha dato un escandescenze e mi ha accusato di essere prevenuto e NO VAX… Peccato x lei che solo il giorno prima avevo fatto fare il richiamo antitetanico a mia figlia e stoppato il vaccino x la pertosse ed altri dato che i titoli anticorpali erano alti e non c’era quindi bisogno di farli…sapete che i medici pediatri hanno un bonus se raggiungono e superano il 95% di vaccinazioni per i loro “clienti” ( e si non sono pazienti) ….Finché molti dottori al posto di rispettare il giuramento di Ippocrate si comportano da ipocriti non spiegando che i vaccini vanno fatti a bambini che abbiano almeno 3-4 anni di vita e non sei mesi (e in Giappone semplicemente spostando di due anni avanti molte vaccinazioni si sono evitati tantissimi danni collaterali!!!). Ora bisogna togliere l’obbligo dei vaccini che è stato un task dell’agenda americana attuato dalla massone Lorenzin e dal suo fido scudiero burioni sotto l’input del pessimo Renzi che prono all’impero a stelle e strisce ha ubbidito al dixit (ricordate il viaggio negli USA di Lorenzin Renzi e Burioni da Obama erano andati lì appunto a promettere di far sì che l’italia diventasse testa di ponte a livello mondiale usando i nostri figli come cavie!!!) questi sono dati di fatto!!! L’unica cosa che possiamo fare ora è cancellare la legge e fare in modo che chi vuole possa a richiesta vaccinare i propri figli, Ps magari se evitassimo di far entrare migliaia di persone a cui abbiamo distrutto i paesi di origine sarebbe meglio o no???

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: