Privacy Policy

Vertice Ue migranti, parla Becchi: “Stavolta l’Europa salta davvero”

C’è chi ritiene che oggi sia in gioco il destino dell’Europa. Il vertice della Ue si annuncia ad alta tensione soprattutto su due temi in particolare: la gestione dell’immigrazione e i rapporti con la Russia. L’Italia è pronta a fare la voce grossa e a minacciare il veto se sull’immigrazione non arriveranno risposte convincenti in ordine alla condivisione dei salvataggi in mare. Del fatto che l’Europa sia ormai ad un bivio è convinto il filosofo Paolo Becchi che a Lo Speciale evidenzia come il nuovo ruolo dell’Italia, potrà essere davvero determinante per porre fine all’asse franco-tedesco che fino ad oggi ha guidato i destini della Ue.

Cosa si aspetta dal vertice europeo di oggi?

“Oggi può arrivare il punto di svolta. L’Italia nel pre-vertice della settimana scorsa ha messo in chiaro la sua posizione che spero vivamente resti quella decisa dal Governo. Conte ha fatto capire chiaramente che sull’immigrazione non basterà cambiare il Trattato di Dublino ma andare oltre. Serve un nuovo trattato che prenda atto della situazione attuale, che non è più la stessa di allora. La Germania e la Francia devono riconoscere di aver sbagliato tutto e ammettere che la politica migratoria da loro imposta a tutta l’Europa è stata completamente fallimentare”.

C’è chi addirittura intravede la possibilità che l’Europa possa saltare. Siamo a questo punto?

“L’Italia potrà porre il veto sulle decisioni che non condividerà o rifiutarsi di sottoscrivere gli accordi. Di certo la Germania è uscita dai mondiali di calcio, ma sta entrando in una situazione molto complessa. Non sappiamo neanche quanto il Governo Merkel potrà durare. Sbaglia chi pensa che l’Italia oggi rischi l’isolamento, è vero l’esatto contrario. La nostra posizione è stata talmente dirompente da aver messo in crisi gli equilibri che si erano creati in Germania. Il ministro dell’Interno Seehofer si mostra sempre più scettico circa la permanenza in vita della Grande Coalizione tedesca facendo capire che dal primo luglio sarà pronto a rivoluzionare la politica dell’immigrazione portata avanti fino ad oggi dalla Cancelliera. Se non gli sarà consentito, potrà far cadere il Governo dal momento che i voti della Csu sono determinanti. Macron non sta affatto meglio visto che la Francia è la principale responsabile dell’emergenza immigrazione, prima per aver creato la crisi libica e poi per la dissennata gestione del franco francese che sta distruggendo le ex colonie in Africa. O l’Europa cambia marcia oppure Francia e Germania resteranno isolate. Il dato di fatto importante è che oggi Conte al vertice conterà davvero”.

continua su Lo Speciale

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: