Privacy Policy

Il razzismo dell’entità sionista: “Israele per gli Ebrei”, la nuova legge apartheid

L’approvazione del controverso disegno di legge del parlamento israeliano (Knesset) è l’ennesima dimostrazione del razzismo che vige all’interno dell’entità sionista, patria della presunta e tanto sbandierata dall’Occidente democrazia mediorientale. La legge apartheid sullo “stato nazione” incoraggia la costruzione di più insediamenti per gli ebrei a scapito dei palestinesi. Inoltre, pregiudicherebbe l’intero Israele contro chiunque non sia ebreo. Questa iniziativa israeliana è un totale rifiuto di ogni valore della democrazia.

Il Parlamento israeliano ha adottato questo disegno di legge controverso che dichiara l’entità occupante “lo stato-nazione del popolo ebraico”. La mossa è stata ampiamente criticata come misura di apartheid che potrebbe portare alla discriminazione contro la propria popolazione araba. Il disegno di legge è passato con un voto di 62-55 dopo un lungo e tempestoso dibattito.

Il disegno di legge dà priorità ai valori “ebraici” rispetto a quelli democratici nei territori occupati e riconosce Gerusalemme (al-Quds) come la capitale di Israele. Permette anche alle comunità di soli ebrei, di impostare l’ebraico come lingua ufficiale di Israele e relega l’arabo da una lingua ufficiale a uno con “status speciale”.

Israele è un regime teocratico sotto il controllo dei rabbini sionisti, che non prestano attenzione ai principi basilari della democrazia e della legge. Con questa ultima legge, sulla bara della presunta democrazia israeliana sono stati piantati gli ultimi chiodi.

Fonte Il Faro sul Mondo

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: