Privacy Policy

Dopo la Russia anche l’Europa dirà addio al dollaro americano

L’anno prossimo la Commissione Europea dovrebbe adottare ulteriori misure per aumentare l’importanza dell’euro sulla scena finanziaria globale.

La corrispondente dichiarazione è stata fatta nel discorso del presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker all’Europarlamento.

In particolare ha definito assurdo il fatto che l’Europa paghi l’80% delle importazioni energetiche (giro d’affari da 300 miliardi di euro l’anno) in dollari. Allo stesso tempo gli Stati Uniti hanno una quota solo del 2% sul totale delle importazioni energetiche. Juncker ha inoltre definito assurdo il fatto che le compagnie aeree europee paghino in dollari gli aerei europei, dal momento che potrebbero pagare in euro.

Entro la fine dell’anno, secondo Juncker, la Commissione Europea presenterà iniziative concrete per rafforzare il ruolo internazionale dell’euro.

“L’euro dovrebbe diventare il volto e lo strumento di una nuova Europa più sovrana”, ha assicurato.

Nella giornata di ieri Bank of America Merrill Lynch aveva dichiarato che l’Europa potrebbe diventare l’epicentro di una nuova crisi globale che colpirà gli Stati Uniti. Il rafforzamento dell’euro è una delle ragioni di questa crisi prevista.

Alla fine di agosto era stato riferito che la Russia aveva incrementato gli acquisti di oro ed aveva iniziato a sbarazzarsi dei buoni del Tesoro americani nell’ambito della strategia di sbarazzarsi dei dettami del dollaro.

Fonte Sputniknews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: