Privacy Policy

Glifosato, un giudice americano spiana la strada a centinaia di processi

di ANDREA BAROLINI

Loading...

Secondo un giudice federale degli Stati Uniti non è escluso il legame tra esposizione al glifosato e malattie. Una svolta in termini giudiziari.

Un giudice federale degli Stati Uniti ha aperto la strada a centinaia di processi contro la Monsanto (ormai acquisita dalla tedesca Bayer). Secondo il magistrato, infatti, esistono sufficienti elementi per ritenere che una giuria possa considerare effettivo il legame tra le malattie insorte in alcuni lavoratori e l’esposizione al glifosato, la sostanza base dell’erbicida Roundup.

Loading...

“Sufficienti elementi” per non escludere una condanna di Monsanto-Bayer

Il giudice del distretto di San Francisco,Vince Girdhari Chhabria, ha preso la decisione dopo anni di battaglie legali e settimane di audizioni. Va detto che nel testo del rapporto di 68 pagine sul quale ha apposto la propria firma, alcune argomentazioni avanzate da chi ha sporto denuncia sono state definite “fragili”. E due pareri di altrettanti scienziati sono stati completamente scartati.

roundup glifosato chhabria
Il giudice americano Vince Chhabria che ha consentito l’avvio di centinaia di processi a carico di Monsanto-Bayer per il presunto legame tra malattie ed esposizione al glifosato, sostanza-base dell’erbicida Roundup

Ciò nonostante, sono state prese in considerazione le conclusioni di quattro esperti della materia. Che non permettono, appunto, di escludere che un tribunale possa dare ragione ai malati, avvalorando la tesi della cancerogenicitàdel glifosato. Dal punto di vista legale, ciò consentirà di sbloccare le azioni legali avviate da oltre 400 tra agricoltori e giardinieri americani. Secondo i quali il Roundup provocherebbe il linfoma di Hodgkin.

La multinazionale insiste: “Alcun legame” tra glifosato e tumori

Da parte sua, la direzione della Monsanto-Bayer continua a negare ogni addebito. Robin Greenwald e Aimee Wagstaff, gli avvocati della multinazionale, hanno fatto sapere che difenderanno l’azienda, portando all’attenzione dei giudici degli elementi che proverebbero “che non esiste alcun legame tra le patologie e il glifosato”. Secondo i legali, infatti, le conclusioni di centinaia di studi e analisi dimostrerebbero che l’uso dell’erbicidanon ha effetti sulla salute umana.

Nel frattempo, è già in tribunale il procedimento avviato da Dewayne Johnson. Il giardiniere americano di 46 anni, la cui patologia è ormai in fase terminale, ha potuto veder cominciare il processo grazie ad una legge della California che permette di accelerare i procedimenti in caso di decesso imminente. Il 18 giugno, nonostante fosse visibilmente indebolito dalla malattia, era presente in aula. Per sé stesso e per tutti i colleghi che si trovano nelle stesse condizioni.

Fonte LIFEGATE

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: