Privacy Policy Golpe finanziario, Nicola Porro svela la verità: conto alla rovescia, "manca poco..."

Golpe finanziario, Nicola Porro svela la verità: conto alla rovescia, “manca poco…”

Il ricatto dello spread? Tranquilli, almeno finché regge Mario Draghi. L’allarme dell’ex commissario alla spending review Carlo Cottarelli sull’aumento del debito pubblico ha addebitato la colpa dell’impennata del differenziale tra Btp e Bund (sfiorata la quota 300) alle dichiarazioni del governo di Lega e M5s su manovra ed euro, ma Nicola Porro sul Giornale smonta punto per punto la teoria dell’ex “premier dei 3 giorni”.

Loading...

Il guaio è che l’Italia si trova “in una piccola tempesta internazionale (dalla Turchiaall’Argentinandr). I mercati crescono da anni, e come spesso accade cercano una scusa per uscire e realizzare i profitti”. E quando questo accade, “I detentori di titoli pubblici vanno sul sicuro, e si liberano di coloro che possono, geneticamente, avere più probabilità di essere contagiati”. Ancora: è sbagliato pensare che sostituendo il governo di Lega e M5s con i tecnici filo-Ue e filo-Fmi, come Mario Monti nel 2011, la situazione migliori magicamente. Basta ricordare la parabola dello spread dopo un anno di governo del Professore: a fine 2011 era a 550, a fine 2012, dopo un già pesante ciclo di riforme, era ancora superiore a 500. “Insomma – conclude Monti – il governo Monti aveva calmato i giornali, ma non i mercati”.

Qual è allora la ragione per cui possiamo stare calmi, ora, ma dobbiamo preoccuparci tra qualche mese? Mario Draghi, conclude amaro Porro. Finché ci saranno lui e il suo bazooka alla guida della Bce, non accadrà nulla di drammatico all’Italia. Ma “nei prossimi mesi la Bce rallenterà gli acquisti e le banche non possono sostituirla, perché le nuove regole glielo impediscono”. In più “nel 2019 Draghi lascerà il posto, con molta probabilità proprio a quei tedeschi che gli contestavano di avere sfoderato l’ arma finale”. E lì verranno i guai, “Di Maio o non Di Maio”.

Loading...

via Libero

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: