Privacy Policy Damasco: “Londra aiuta i terroristi a contrabbandare il gas per le armi chimiche a Idlib”

Damasco: “Londra aiuta i terroristi a contrabbandare il gas per le armi chimiche a Idlib”

In un’intervista rilasciata ieri al canale di notizie russo RT, il ministro degli esteri siriano Al-Moalem ha dichiarato che i servizi segreti britannici hanno aiutato i terroristi del gruppo terrorista del Fronte Al-Nusra a trasferire depositi di gas verso le aree della provincia nord-occidentale di Idlib.

Loading...

“Come ha affermato il presidente Bashar al-Assad, la priorità ora è la liberazione di Idlib, sia attraverso la riconciliazione, cosa preferiamo, sia con mezzi militari”, ha spiegtao Al-Moalem.

In questo contesto, il ministro degli Esteri siriano ha ricordato alla comunità internazionale che Idlib è territorio siriano e che Damasco è obbligata a recuperare tutti i suoi territori e “nessuno ha il diritto di interferire”, ha ribadito.

Loading...

In questo modo, il capo della diplomazia siriana ha elencato diversi punti in relazione alle operazioni del governo siriano per liberare Idlib e la creazione di un corridoio umanitario per evacuare i civili.

“Questo corridoio (che passa attraverso l’aeroporto di Abu al-Duhur) è rimasto aperto per una settimana e abbiamo ricevuto centinaia di famiglie siriane che provenivano da Idlib in zone controllate dall’esercito siriano”, ha spiegato.

Inoltre, specificando che il gruppo terrorista del Fronte di Al-Nusra è la più importante formazione estremista di Idlib, ha espresso la determinazione del governo e dell’esercito siriano ad espellere questo gruppo con l’aiuto dei suoi alleati.

Quindi, ha ricordato che il Fronte Al-Nusra è nella lista delle organizzazioni terroristiche per decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC). “Se è necessaria un’azione militare, sarà necessario eseguirla contro (il Fronte) Al-Nusra. Per quanto riguarda le formazioni che vogliono un accordo, devono dichiarare la loro posizione e adempiere ai loro obblighi nel processo di riconciliazione”, ha precisato.

Poi, Al-Moalem ha riferito di un vertice, che si terrà il 7 settembre a Teheran (per affrontare la situazione in Siria, che coinvolgerà anche la Turchia e la Russia al fine di raggiungere una “comprensione reciproca” . “Non cerchiamo lo scontro con la Turchia. Ma i turchi devono capire che la provincia di Idlib e altre province sono territori siriani e sono sotto la sovranità della Siria “, ha rimarcato.

Il governo di Ankara, dall’inizio della guerra in Siria, è interessato a convertire le province di Idlib e Aleppo in “una sorta di protettorato turco” e creare una striscia di confine “protezione” contro i curdi.

via L’Antidiplomatico

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: