Privacy Policy ISRAELE MINACCIA L’ANNIENTAMENTO NUCLEARE DELL’IRAN

ISRAELE MINACCIA L’ANNIENTAMENTO NUCLEARE DELL’IRAN

Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha risposto alla minaccia del primo ministro israeliano definendolo il “guerrafondaio”, Benjamin Netanyahu, per avere questi minacciato l’Iran di “annientamento atomico” proprio mediante il sistema segreto di armi atomiche del regime sionista (segreto ma non troppo).

Loading...

Parlando durante una cerimonia presso l’impianto nucleare di Dimona nel deserto del Negev, Mercoledì, Netanyahu aveva affermato che Israele( paese occupante) deve affrontare minacce da vicino e da lontano.

“Coloro che minacciano di spazzarci via mettono loro stessi in un simile pericolo, e in ogni caso non raggiungeranno il loro obiettivo”, ha detto Netanyahu. “Ma i nostri nemici sanno molto bene ciò che Israele è in grado di fare. Hanno familiarità con la nostra politica. Chiunque cerca di farci del male, noi lo annienteremo “, ha dichiarato Netanyahu.

Loading...

Utilizzato Twitter per rispondere alla minaccia altamente aggressiva fatta del premier israeliano , avvenuta lo stesso giorno in cui le nazioni del mondo stavano osservando la Giornata internazionale contro i test nucleari.

“L’Iran, un paese senza armi nucleari, è minacciato di annientamento atomico da parte di un paese guerrafondaio che dispone di un’effettiva fabbrica di armi nucleari”, ha twittato il principale diplomatico iraniano, descrivendo le dichiarazioni di Netanyahu come “al di là di ogni vergogna”.

Israele è l’unico possessore di armi nucleari in Medio Oriente, in spregio ai trattati internazionali, ma la sua politica non è né confermare né negare che disponga di bombe atomiche. Si stima che il regime di Tel Aviv abbia tra le 200 e le 400 testate nucleari nel suo arsenale.

Diversamente dall’Iran, il regime sionista ha rifiutato di aderire al Trattato di non proliferazione nucleare (NPT) – il cui scopo è impedire la diffusione della tecnologia nucleare delle armi e delle armi – in deroga alla pressione internazionale che per Israele non esiste.

Marcando la Giornata internazionale contro i test nucleari, il ministro degli Esteri Zarif aveva in precedenza attaccato il regime israeliano e il suo convinto patrocinatore, gli Stati Uniti, come unico possessore di bombe nucleari nella regione e “unico utilizzatore” di armi atomiche nel mondo , rispettivamente.

“Ricordiamo anche che l’Iran ha chiesto la Nuclear Weapon Free Zone (zona denuclearizzata) dal 1974”, ha detto Zarif in un tweet.
Altrove nei suoi commenti, Netanyahu ha detto che l’esercito israeliano continuerà a prendere di mira i consiglieri militari iraniani, che hanno assistito l’esercito siriano nelle loro battaglie contro i terroristi sostenuti dall’estero.

L’esercito israeliano, ha detto Netanyahu, “continuerà a operare con piena determinazione e con piena forza contro” quelli che ha definito i tentativi dell’Iran “di mettere in campo forze e sistemi d’arma avanzati in Siria”.

L’Iran non ha truppe sul terreno in Siria e la sua missione consultiva antiterroristica – come quella della sua alleata Russia – arriva su richiesta del governo di Damasco, ha ribadito il ministro iraniano.

Preoccupato per i guadagni della Siria contro i terroristi, Israele spesso attacca obiettivi militari all’interno della Siria nel tentativo di sostenere gruppi terroristici jiadisti che hanno subito sconfitte sul campo di battaglia.

Il regime ha anche fornito armi e supporto ai militanti jadisti anti-Damasco e cure mediche agli elementi de gruppi Takfiri feriti in Siria.

Il 9 aprile, un raid aereo israeliano contro la base aerea T-4 nella provincia di Homs in Siria ha ucciso più di una dozzina di persone, inclusi sette consiglieri militari iraniani.

L’Iran ha promesso che questa aperta aggressione di Israele non rimarrà impunita.

Fonte: Press Tv

via Controinformazione

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: