Privacy Policy LA SVEZIA APRE GLI OCCHI SULL’USCITA DALLA UE E SI RIVOLGE ALLA RUSSIA COME PARTNER

LA SVEZIA APRE GLI OCCHI SULL’USCITA DALLA UE E SI RIVOLGE ALLA RUSSIA COME PARTNER

Agli svedesi piace parlare della Svezia come il paese sicuro, generoso e più prospero del mondo. Vorrebbero pensare alla Svezia come al Paradiso sulla Terra. Tuttavia, in Svezia esiste un partito potente che diffonde un diverso punto di vista. Questo partito ritiene che la Svezia sia per i migranti, che la Svezia dovrebbe tenere un referendum, lo Swexit, perché l’UE è obsoleta. Inoltre, pensano che la Russia sia un partner e non un nemico.

Loading...

Il 9 settembre gli svedesi andranno alle urne per eleggere il loro nuovo Parlamento. Liberali e socialdemocratici al potere hanno perso la loro influenza, mentre l’alleanza conservatrice di destra guidata dal partito di coalizione moderato potrebbe non avere abbastanza voti per formare un governo. Tuttavia, i due blocchi tradizionali non sono desiderosi di unirsi alla coalizione con la crescente influenza dei democratici svedesi, nazionalisti, che molti accusano di razzismo e xenofobia.

La Svezia [in inglese] è una monarchia costituzionale parlamentare, in cui il Parlamento è eletto per liste di partito. Il parlamento svedese, il Riksdag, ha 349 seggi. Secondo il sondaggio condotto da Demoskop per la rivista Expressen, la differenza tra l’Alleanza per la Svezia (Partito Moderato, Partito Popolare, Democratici-Cristiani e Partito Centro) e il “rosso-verde” (socialdemocratici, partito di sinistra e partito verde) era lo 0.2 per cento a favore del primo. Eppure, gli isolati democratici svedesi guadagnano più del 20 percento, e possono vincere le elezioni. Otto anni fa, hanno ricevuto solo il quattro percento dei voti (nel 2014 – oltre il 12%).

Loading...

I democratici svedesi possono cambiare la Svezia dal punto di vista del suo sentimento russofobo [in inglese]. Secondo la valutazione di Valori Europei, la Svezia è uno dei cinque paesi più anti-russi in Europa.

Il partito dei Democratici svedesi chiede di fermare l’immigrazione e di tenere un referendum Swexit sull’adesione del paese all’Unione europea. “L’UE è un’associazione politica sovranazionale, in cui i politici di altri paesi, che non eleggiamo, mostrano una maggiore influenza sulla legge svedese di quanto non faccia il Parlamento svedese”, ha detto il leader del partito Jimmy Okesson. Chiede una politica economica più protezionistica che possa ridurre le importazioni di merci straniere, ad esempio aumentando le tariffe a vantaggio dei produttori nazionali. Inoltre, Okesson ritiene che si dovrebbero allentare le tensioni con la Russia.

A questo punto, la Svezia non è sola in Europa. La politica di multiculturalismo, tolleranza e correttezza politica ha dato i suoi frutti. Le forze nazionaliste salgono al potere in Austria, Germania, Francia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Italia e Paesi Bassi. Alcuni chiamano queste forze ultra-destra, altri si riferiscono a loro come forze xenofobe e persino fasciste. Tuttavia, le parole non cambiano l’essenza della questione: le persone vanno a votare per coloro che non vogliono essere “misericordiosi” con i migranti e promettono di proteggere gli interessi della popolazione indigena.

Nella Svezia da 9,5 milioni di persone [in inglese] sono arrivati 600.000 migranti dal 2014 al 2018. Ci vogliono otto anni perché gli sforzi siano ripagati.

Mats Edman, direttore di Dagens Samhälle ha scritto:

Seicentomila persone corrispondono a 40 comuni svedesi di 15.000 abitanti. Pensa a ciò di cui hanno bisogno dal punto di vista delle infrastrutture, dell’occupazione pubblica, degli alloggi, delle scuole, degli autobus, dei centri medici, eccetera… Per mantenere il livello dichiarato di benessere, dovremo lavorare fino a 70 anni e oltre, o dovremo modificare i nostri requisiti per il benessere.

Ciò che maggiormente infastidisce gli svedesi è che i migranti portano crimini dilaganti, riluttanza ad integrarsi, comportamenti maleducati e violenza contro le donne.

Ulf Kristerson, il leader di Alliance for Sweden, ritiene che questi problemi abbiano fatto perdere a molti svedesi la fiducia nello Stato. La Svezia paga il suo prezzo per 20 anni di politica di integrazione molto infruttuosa, ha detto al Financial Times. “Gli attacchi incendiari sui veicoli sembrano molto organizzati, quasi come un’operazione militare”, ha detto il Primo Ministro Stefan Löfven.

Il 16 agosto, la rivista Expressen ha pubblicato un video in cui un uomo mascherato avverte la polizia di un’azione di rappresaglia per aver trattare i migranti come bestie.

Natalia Plevako, a capo del Centro per i paesi nordici dell’Istituto d’Europa dell’Accademia Russa delle Scienze, ha dichiarato a Pravda.Ru che l’Alleanza per la Svezia potrebbe cooperare con i democratici svedesi, perché il partner cristiano-democratico potrebbe non ottenere il voto del quattro percento richiesto. Ciò non significa un cambio favorevole nei rapporti la Russia, però. “Se i socialdemocratici formano un governo, la Svezia non aderirà alla NATO, se l’Alleanza per la Svezia lo farà, allora la Svezia farà domanda per l’adesione alla NATO”, ha detto.

I democratici di Svezia, sostiene Natalia Plevako, esprimono le istanze popolari. “Cambiano la loro immagine e promuovono un sentimento radicale per assomigliare a un partito su cui le persone possono contare. Hanno ottime possibilità di vincere un’alta percentuale di voti nelle prossime elezioni, fino a 14%”, ha dichiarato l’esperto a Pravda.Ru.

*****

Articolo di Lyuba Lulko apparso su Pravda.ru il 23 agosto 2018
Traduzione in italiano di Cinzia Palmacci per SakerItalia

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: