Privacy Policy Ricerca Usa-Cina: è provato, lo smog annebbia le funzioni mentali. E Torino è la città più inquinata d’Europa

Ricerca Usa-Cina: è provato, lo smog annebbia le funzioni mentali. E Torino è la città più inquinata d’Europa

L’inquinamento può “annebbiare” le funzioni mentali e ha un impatto negativo sulle capacità cognitive che, peraltro, peggiorano con l’età. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista americana “Pnas” (Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America), condotto da un team internazionale di ricercatori tra Usa e Cina. L’analisi ha coinvolto qualcosa come 20.000 individui in Cina, dai 10 anni in su, di entrambi i sessi. «I livelli di inquinamento cui ciascun partecipante era esposto sono stati misurati in base al suo indirizzo di residenza», spiega il newsmagazine ecologista “Terra Nuova”. I ricercatori hanno tenuto conto di diverse molecole inquinanti e del “particolato fine”, quello che penetra più facilmente nelle vie respiratorie. Tutto il campione è stato sottoposto a una serie di test per valutarne le abilità matematiche e linguistiche: è emerso che queste abilità erano tanto minori, quanto maggiore era l’esposizione ad agenti inquinanti. Inoltre è stato appurato che l’impatto negativo dello smog aumenta con l’età dell’individuo, come conferma su “Bbc Health” uno degli autori del lavoro, Xi Chen, in servizio alla Yale School of Public Health.

Loading...

Lo studio, secondo “Terra Nuova”, conferma anche i risultati di precedenti lavori, secondo cui «essere esposti a livelli di inquinamento elevati è associato a maggior rischio di ammalarsi di demenza». Il lavoro, sia pur vasto e approfondito, non permette ancora di stabilire in modo incontrovertibile l’esistenza di una relazione di causa-effetto tra smog e abilità mentali di un individuo, né di mettere in luce eventuali meccanismi con cui l’inquinamento atmosferico nuocerebbe alla mente. Quel che è certo, in ogni caso, è che l’aria avvelenata dallo smog è una minaccia molto seria per la salute. Se l’Italia non sembra così lontana dalla media continentale, è la città di Torino a confermarsi tra le peggiori città in Europa per concentrazione di polveri sottili. Secondo l’elaborazione di Legambiente, intitolata “Che aria tira in città: il confronto con l’Europa”, basata sui dati raccolti nel rapporto dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, sotto la Mole si registrano 39 microgrammi per metro cubo in media. Più di quanto succeda a Milano (37) e Napoli (35), e ben 10 microgrammi in più di quanto capita a Siviglia, Marsiglia e Nizza, ferme a 29.

Un dato preoccupante, scrive “Repubblica”, che fa riferimento alle stime fatte nel 2013, ma che, secondo quanto spiegato dal coordinatore dell’ufficio scientifico di Legambiente Andrea Minutolo, non è migliorato molto negli anni successivi: nel 2014 la media a Torino è stata di 35 microgrammi per metro cubo, tornata a 39 nel 2015 e scesa a 36 nel 2016. «Tutte le città italiane superano ampiamente il valore limite di 20 microgrammi/mc come media annua di Pm10 indicato dall’Oms per la salvaguardia della salute umana», confermano a Legambiente. «Queste informazioni – dice Minutolo – confermano la cronicità delle lacune per l’inquinamento atmosferico». Da quasi un anno, intanto, il pm torinese Gianfranco Colace indaga sull’inquinamento in città e in provincia, con l’ipotesi di disastro ambientale. L’inchiesta, partita da un esposto presentato dagli avvocati Marino Careglio e Giuseppe Civale, ha portato all’acquisizione della documentazione relativa alle delibere “anti smog” delle amministrazioni comunali di Torino e dell’hinterland, ma anche delle procedure d’infrazione che l’Unione Europea ha avviato nei confronti dell’Italia.

Loading...

Fonte Libre

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: