Privacy Policy

Dopo la Siria, via dall’Afghanistan: Trump ritira altri soldati e il generale Mattis se ne va

La politica di disimpegno militare del tycoon non piace al capo del Pentagono. Che si dimette: “È giusto che Trumo abbia un segretario alla Difesa in sintonia col suo modo di vedere”

Di Sergio Rame

Loading...

“È giusto che tu abbia un segretario alla Difesa che sia in sintonia con il tuo modo di vedere”. Il capo del pentagono, Jim Mattis, era rimasto sorpreso dall’annuncio del ritiro delle truppe americane dalla Siria, fatto in questi giorni da Donald Trump, e così ha deciso di fare un passo indietro. “È giusto che io mi dimetta”. Lascerà l’incarico a fine febbraio, dopo aver servito nella mia amministrazione per gli ultimi due anni. Un nuovo segretario alla Difesa sarà nominato a breve. Intanto, però, il presidente degli Stati Uniti non molla di un millimetro la sua campagna per il disimpegno militare nelle missioni all’estero. Dopo aver annunciato il ritiro dalla Siria, il tycoon ha infatti deciso di ritirare un numero “importante” di truppe anche dall’Afghanistan.

“Il presidente merita un ministro della difesa che sia più allineato alle sue posizioni”, si legge nella lettera di dimissioni che il generale pluridecorato ha consegnato a sorpresa alla Casa Bianca prima di abbandonare l’amministrazione. Un gesto inevitabile, quello di Mattis, in opposizione alla decisione del presidente di ritirare le truppe statunitensi dalla Siria e di ridurre la presenza degli oltre 14mila soldati che operano in Afghanistan. Un disimpegno quest’ultimo che potrebbe iniziare già nelle prossime settimane con un rientro di almeno 7mila militari per arrivare presto a un totale azzeramento della presenza statunitense nel Paese. Il capo del Pentagono giudica entrambe le decisioni “un errore strategico”. Fino all’ultimo aveva tentato, senza successo, di convincere Trump a cambiare idea e a lasciare in Siria i militari americani impegnati nella lotta ai tagliagole dello Stato islamico che, secondo i vertici del Pentagono, non sarebbe affatto finita.

Loading...

Quella di Mattis, che durante la sua straordinaria carriera militare era stato soprannominato “Mad Dog” (cane pazzo), è l’ennesima defezione alla Casa Bianca. Il generale lascerà ufficialmente l’incarico il prossimo 28 febbraio dopo poco più di due anni alla difesa. Sessantottenne, era andato in pensione dalla Marina Militare nel 2013 dopo 41 anni di carriera durante la quale era stato a capo delle operazioni statunitensi in Kuwait, Afghanistan e Iraq. Trump perde, in questo modo, uno dei membri più autorevoli della sua amministrazione, stimato e apprezzato sia in America sia all’estero. Il nuovo capo del Pentagono si troverà sulla scrivania diverse questioni in sospeso. Non dovrà laborare soltanto ai fronti caldi in Siria e Afghanistan, ma dovrà anche intrecciare relazioni pericolose con il leader nordcoreano Kim Jong-un, l’Iran, la Cina e, soprattutto, la Russia di Vladimir Putin.

Fonte Qui

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: