Privacy Policy

MACRON : IL PRESIDENTE GLOBALISTA CHE ODIA IL SUO PAESE, LA FRANCIA

di Controinformazione.info

Loading...

I discorsi di Macron preannunciano un anno di barricate Macron Ignora il grido dei gilet gialli e accelera le riforme liberali

17 minuti. In 17 minuti non ho capito cosa sta succedendo e io e i miei amici continuiamo come prima . Come se non ci fosse stata una rivoluzione sociale in corso. Durante questi voti del 2019 registrati all’Eliseo, il palazzo da cui aveva riservato una porta di uscita per l’elicottero durante l’atto V o VI, il presidente di meno del 10% dei francesi ha dimostrato una volta più di quanto avesse la statura, la durata e soprattutto la rettitudine per guidare il nostro paese.

Rivolta popolare in Francia
Loading...

Macron o l’odio per la Francia

La maggior parte delle sue frasi suonava male nelle nostre orecchie. Tutto era simulazione, impostura, inversione. Mentre i poliziotti colpiscono i pensionati e le ragazze in giallo, lui afferma che vuole ” costruire la nuova sicurezza del 21 ° secolo “. Dal puro gergo oligarchico alla realtà della strada.

Macron tratta l’attaccamento dei francesi verso l’identità del loro paese come se fossero ” demagoghi ” e mentre centinaia di migliaia di loro gridano in francese, in ritardo, lui dichiara “non mi dimetto” e segue con i suoi discorsi sensa senso dicendo che ” la lotta contro il riscaldamento globale e per la biodiversità è più che mai necessaria “. E prosegue:
“E voglio allenarmi per riservare per noi tre desideri. Primo, un voto di verità. Sì, per augurarci nel 2019 di non dimenticare che non costruiamo nulla su bugie o su ambiguità … “

Ci siamo fermati gradualmente ad ascoltare questo Digest oligarchico delle ore 20 . Nel 2005 Chirac aveva almeno compreso che i francesi dovevano essere conciliati con loro stessi e che le rivolte di ottobre inviavano un messaggio sociale. Questo non gli impediva di andare in vacanza ai suoi amici miliardari, ma Chirac aveva ancora un po ‘di fibra francese.

La Francia non è compatibile con il globalismo.

Con Macron, siamo in pieno mondo anti-francese che lui neppure nega. Anche se annuncia che ” il capitalismo ultraliberale e finanziario sta volgendo al termine “. Ci crediamo. Soprattutto perché annuncia al contempo il proseguimento delle “riforme” del lavoro e della disoccupazione per il 2019. Sappiamo cosa significa: meno lavoro, meno soldi, più disoccupazione e più repressione!

Analisti politici seri e imparziali troveranno dozzine di falsità, tentativi di diversione e notizie false in questo discorso. Non abbiamo più il desiderio o la forza di ascoltarlo, la Francia è altrove, e il suo presidente parla nel vuoto.
La bella frase per ricordare il presidente
“Alcune persone prendono il pretesto di parlare in nome della gente: ma quale, dove, come? Ed essendo di fatto solo i portavoce di una folla odiosa, attaccano i funzionari eletti, la polizia, i giornalisti, gli ebrei, gli stranieri, gli omosessuali, è semplicemente la negazione dalla Francia. “

Oh, dove ha visto che i giubbotti gialli – non ha nemmeno il coraggio di citarli, per una volta una vera smentita – ebrei perseguitati, omosessuali, turisti? Dove vengono impiccati gli ebrei, gli omosessuali smembrati durante i sabati della rivolta? 
No, caro presidente fantoccio, i gilet gialli sono l’opposto dell’odio, sono l’amore della Francia, della loro Francia.

Nota : Quello che diceva Matteo Renzi di Emmanuel Macron quando questi vinse le elezioni

“La vittoria di #Macron scrive una straordinaria pagina di speranza per la Francia e per l’Europa. #EnMarche! #incammino”. Lo scrive su Twitter, Matteo Renzi.

“Evviva #Macron Presidente Una speranza si aggira per l’Europa” scrive su Twitter il premier Paolo Gentiloni.
Pubblicato il: 07/05/2017 20:38 ADN Kronos

Fonte Controinformazione.info

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: