Privacy Policy Prigioni segrete della Cia in Romania

Prigioni segrete della Cia in Romania

La Cia avrebbe versato milioni di dollari alla Romania per ospitare prigioni segrete, ha denunciato alla Corte europea dei diritti dell’uomo l’avvocato Amrit Singh che ha difeso il cittadino saudita Abd al-Rahim al-Nashiri, per un caso di tortura.

Loading...

L’avvocato ha denunciato a Strasburgo che la Romania ha ospitato prigioni segrete della Cia tra il 2003 e il 2005 con “l’acquiescenza e la connivenza” del governo rumeno, qualcosa che le autorità di questo Paese hanno sempre negato, riporta l’agenzia Ap. La Corte deciderà in pochi mesi sulla presenza in Romania di prigioni segrete della Cia in cui sarebbero state commesse torture, comprese quelle subite dal cliente Singh, che ora si trova a Guantanamo. Singh ha aggiunto che in un carcere a Bucarest nel 2004, il suo cliente, è stato torturato dalla Cia.

Abd al-Rahim al-Nashiri, attualmente in custodia degli Stati Uniti presso il carcere di Guantanamo, veniva privato del sonno, schiaffeggiato e alimentato forzatamente per via rettale e sottoposto a luci e rumori forti durante la sua prigionia. L’esistenza di queste prigioni segrete della Cia rimane un tema molto sensibile per l’opinione pubblica in Romania, un alleato degli Stati Uniti che ha cercato il sostegno di Washington per entrare nella Nato. Ingresso poi avvenuto nel 2004.

Loading...

La Romania ha ricevuto “milioni di dollari” dalla Cia per consentire all’Agenzia di torturare i sospetti di terrorismo in prigioni segrete nel Paese europeo durante la presidenza di George W. Bush, dice l’avvocato per i diritti umani. Amnesty International ha dichiarato la presenza di queste prigioni segrete anche in Lituania, anche se la Romania e la Lituania non sono mai state ritenute direttamente responsabili circa il loro coinvolgimento con la Cia.

Un rapporto dettagliato pubblicato dalla Commissione per l’Intelligence del Senato degli Stati Uniti ha descritto le tattiche di tortura usate dalla Cia, tra cui l’uso estensivo di waterboarding. La pratica brutale, che imita la sensazione di annegamento, è stata permessa la prima volta durante l’amministrazione di George W. Bush nei confronti di sospetti terroristi.

Fonte Il Faro sul Mondo

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: