Privacy Policy

Contrordine! L’Unione Europea è bellissima, e pure l’euro. Parola di Marine Le Pen

Marine Le Pen da sempre nota per il suo antieuropeismo, alla vigilia delle elezioni continentali ha convocato una conferenza stampa per spiegare la sua conversione alla fede in uso a Bruxelles. Non è l’unica inversione a U compiuta nelle ultime settimane: anche rispetto al movimento dei gilet gialli aveva, per per un paio di settimane, fatto finta di esprimere qualche simpatia e vicinanza, ma dalla terza in poi ha calato la maschera, invitando i manifestanti a “lasciar fare alla polizia per riportare l’ordine nelle strade”.

Loading...

Ma è su Unione Europea e moneta unica che la svolta appare a 180 gradi: «siamo un partito pragmatico, non ideologico. Eravamo per l’uscita dall’euro e dall’Unione europea quando l’unica alternativa era tra la totale sottomissione a Bruxelles e l’abbandono della Ue. Oggi le condizioni politiche sono totalmente cambiate. Le nostre idee avanzano ovunque in Europa, e in Italia sono al governo. Ora possiamo cambiare l’Europa dall’interno, uscire e adottare una nuova moneta non sono più le priorità. I trattati sono interpretabili a piacere, basti guardare cosa ha fatto la Bce con il quantitative easing. Quando il presidente della Commissione non sarà più Juncker ma una personalità espressione delle idee mie e di Salvini, la vita dei cittadini migliorerà»

Ora, tutti parlano di “riformare la Ue” – compresi Juncker e Vito Constancio, ex vice di Mario Draghi alla Bce, perché il loro piano finale era costruire gli Stati Uniti d’Europa con relativa perdita di quel poco di sovranità rimasta. Era tutto pianificato, fin dall’inizio: immigrazione, povertà, politiche di austerità, per raggiungere lo scopo finale. Riferimenti Contropiano

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: