Privacy Policy

LE RIVELAZIONI DEL GRAN MAESTRO GIULIANO DI BERNARDO / MASSONERIA, ECCO TUTTE LE CONNECTION

Verbalizzazione clou davanti alla Corte d’Assise di Reggio Calabria da parte dell’ex Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Giuliano Di Bernardo, che ricostruisce una serie di storie & fatti, soprattutto sul versante dei rapporti tra massoneria e ‘ndrangheta, partendo dalle inchieste dell’allora procuratore capo di Palmi Agostino Cordova.

Loading...

Ma fa dichiarazioni anche anche sulla figura del Venerabile Licio Gelli voluto dagli americani al vertice della P2, sui “veri elenchi” della stessa super loggia, su traffici d’armi con la Somalia.

Tutto si svolge lo scorso 11 gennaio alla Corte d’Assise reggina, in occasione del processo sulla “‘ndrangheta stragista” che vede alla sbarra il boss siciliano Giuseppe Graviano e Santo Filippone, accusati di essere i mandanti degli agguati ai carabinieri dei primi anni ’90, all’epoca di quelle stragi che insanguinarono il nostro Paese.

Loading...

Di Bernardo venne eletto Gran Maestro del Goi l’11 marzo del 1990: la sua testimonianza, quindi, è di grande importanza all’interno del processo perchè riguarda proprio quegli anni bollenti.

QUEL “MINOTAURO” CHE AVEVA LA VISTA LUNGA

Agostino Cordova.

La verbalizzazione parte proprio dal “minotauro di Palmi” Cordova, come epicamente lo definì Giorgio Bocca nel suo straordinario “Inferno” uscito nel ’92. Da rammentare che la maxi inchiesta di Cordova partì dalla morte mai chiarita di un grosso notaio-massone calabrese, Pietro Marrapodi, il quale apparteneva alla loggia “Logoteta” e aveva iniziato a verbalizzare sui rapporti tra massoneria e ‘ndrangheta. A Marrapodi venne negata la scorta, fu trovato impiccato nel suo scantinato e la sua morte venne rapidamente archiviata come omicidio senza che sia mai stato trovato un colpevole.

Ecco le parole dell’ex Gran Maestro davanti al collegio presieduto da Ornella Pastore e al procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, che lo ha interrogato: “L’inchiesta di Cordova stava andando nelle direzione giusta. Io gli misi a disposizione documenti importanti e i risultati delle mie scoperte, ma poi non è successo nulla. Quando l’inchiesta gli fu tolta il fascicolo è passato in mano a  più procuratori per competenza a Roma, e lì è stata archiviata per decorrenza dei termini”. Il gigantesco fascicolo, infatti, approdò nel “porto delle nebbie”, fra gli altri affidato ai pm Augusta Iannini (consorte dello storico conduttore di Porta a PortaBruno Vespa) e Nello Rossi.

Continua Di Bernardo: “Ettore Loizzo, ingegnere di Cosenza e mio vice nel GOI, nel corso di una riunione della Giunta del Grande Oriente disse che poteva affermare con certezza che in Calabria su 32 logge 28 erano controllate dalla ‘ndrangheta. Io saltai sulla sedia e gli dissi: ‘E cosa vuoi fare?’. Lui mi rispose: ‘Nulla, assolutamente nulla’. E mi spiegò che viceversa lui e la sua famiglia rischiavano gravi rappresaglie. Mi recai allora dal duca di Kent a cui esposi la situazione, ma mi disse che ne era già a conoscenza. A Londra mi dissero che grazie all’ambasciata ed ai servizi di sicurezza erano a conoscenza delle infiltrazioni della ‘ndrangheta e questo è normale, perchè in Inghilterra la massoneria è un’istituzione riconosciuta. Il capo è il duca di Kent, quindi è normale che le associazioni con cui sono in rapporti siano sotto osservazione”.

LOGGE, ‘NDRINE & CLAN

Da tener presente che il tema dei rapporti tra massoneria è ‘ndrangheta è stato al centro dei lavori della precedente Commissione Antimafia, presieduta da Rosy Bindi, che una paio d’anni fa chiese all’attuale Gran Maestro del GoiStefano Bisi (giornalista senese e in rapporti di “lavoro” con il responsabile del Monte dei Paschi di Siena David Rossi, “suicidato” dal quarto piano di palazzo Salimbeni cinque anni fa), la consegna degli elenchi dei massoni calabresi, suscitandone le ire: Bisi parlò di vera caccia alle streghe, quando uscirono fuori i nomi di alcuni massoni sotto inchiesta (o condannati) per rapporti con le ‘ndrine.

Stefano Bisi

Torniamo alla verbalizzazione bollente. “La Calabria era indubbiamente il centro di questo fenomeno di infiltrazione, messo in evidenza dal procuratore Cordova, ma già segnali venivano dalla Sicilia. Ci fu un fatto che fece tremare i vertici del Grande Oriente, ossia l’arresto del sindaco di Castelvetrano per i suoi coinvolgimenti con la mafia. Ma in Sicilia ebbi altri segnali da parte dei vertici del Goi”.

I segnali, precisa, arrivarono soprattutto da un avvocato-massone di Palermo, Massimo Maggiore, il quale lo metteva in guardia dal visitare una loggia trapanese per via, appunto, di infiltrazioni sempre crescenti in tutta la Sicilia: “Gli chiesi come avevano potuto permetterlo, e lui mi rispose che non avevano potuto evitarlo. Lì cominciai a capire che i vertici che avrebbero dovuto applicare le regole della massoneria, nel territorio erano in realtà state subordinate a logiche di altro potere. E questo avveniva già prima dell’inchiesta di Cordova. Io sono stato eletto Gran Maestro ignorando completamente quali fossero le realtà locali. Nella massoneria siciliana non c’era per così dire un punto di vista unitario. La massoneria era frastagliata e ogni parte aveva il suo centro di potere. In Calabria, invece, c’era una mente che regolava, al di là di tutti, i contrasti che esistevano tra le obbedienze massoniche di quel territorio. Si percepiva un filo conduttore. Loizzo mi diede l’imprinting più forte, però poi io iniziai a vedere il contorno e sono arrivato a capire che la massoneria calabrese è più potente di quella siciliana per la visione unitaria che possiede”.

Di Bernardo fornisce ragguagli anche sui rapporti tra massoneria e movimenti separatisti, all’epoca molto forti: “Il mio segretario segretario personale Luigi Savina mi diceva che parte della massoneria appoggiava i movimenti separatisti. Reggio Calabria era il centro propulsore di questi movimenti separatisti. Cosenza aveva una sua specificità e la situazione era meno grave. Catanzaro non contava molto. Quella visione non rientrava nella mia visione d’Italia, per questo fin da quando sono stato Gran Maestro ho sempre respinto tali richieste di coinvolgimento che arrivavano. Non conosco la situazione al Nord, ma immagino che non fosse interessato, sebbene non posso escludere che ci fosse chi gettava benzina sul fuoco”.

Sui legami massoneria-mafia all’epoca delle stragi, così dichiara Di Bernardo: “Io un’idea me la sono fatta e penso che fosse tutto all’interno di uno stesso contesto, seppur con separazioni interne. L’idea che mi sono fatto era che lì c’era qualcuno che tirava le fila all’interno di contesti diversi. Sì, quella stagione è maturata a contatto con ambienti massonici”.

TRAFFICI D’ARMI IN SOMALIA 

Licio Gelli

L’ex Gran Maestro racconta poi di una strana telefonata che gli pervenne poco dopo la sua nomina al vertice del Goi, succedendo al sardo Armando Corona, grande amico dell’ex capo dello stato Francesco Cossiga: “Ero nella mia residenza sul Gianicolo e suona il telefono alle tre di notte. Mi sento dire con una voce da straniero: ‘Gran Maestro, noi avremmo bisogno delle stesse cose che ci ha dato prima’. Io avrei potuto dire ‘sta parlando con un’altra persona’. Però sono stato al gioco e ho chiesto ‘di cosa avete bisogno in particolare?’. E inizia a farmi un elenco di armi non solo leggere ma anche pesanti. Quando lui si accorge del senso delle mie domande mi dice: ‘Sto parlando con Armando Corona?’. Io dico ‘No, sono Giuliano Di Bernardo’ e lui mette giù. Per me si è accesa una spia. Capii che quella telefonata proveniva dall’Africa, forse dalla Somalia”. Ricordiamo che la Somalia era un paese all’epoca molto ‘caldo’, densa di traffici di armi sui quali stava indagando la giornalista Rai Ilaria Alpi; così come sui traffici di rifiuti tossici, in gran parte gestiti dalle mafie in combutta con ambienti massonici.

La verbalizzazione prosegue descrivendo i rapporti della massoneria nostrana con quella inglese e quella americana. “Quando gli americani vengono in Italia portano una nuova immagine della massoneria, che è quella della massoneria democratica, diversa da quella nata in Inghilterra, e in questo cambia tutto”.

IL VENERABILE VOLUTO DAGLI STATES

Circa gli anni seguenti prosegue: “Il governo americano iniziava a temere che ci potesse essere il sorpasso comunista. Quando gli americani non hanno più fiducia negli organi istituzionali, vanno alla ricerca dell’uomo nuovo, fuori da ogni contesto. Fu Frank Gigliotti(il massone che aveva lavorato per lo sbarco degli Usa in Italia, ndr) a rifondare la massoneria in Italia, e sempre lui propose Licio Gelli. Disse, ‘Il salvatore dell’Italia è quest’uomo’. Da quel momento Gelli è stato il referente unico ed esclusivo del governo americano, per evitare che si facesse il sorpasso dei comunisti. Gelli ha avuto montagne di dollari, ma soprattutto il governo americano ha messo all’obbedienza di Gelli i vertici italiani economici, militari e della magistratura. Tutti nella sua obbedienza. Quest’uomo, all’improvviso, s’è ritrovato un potere che penso nessuno abbia mai avuto in Italia. Ed è vero: si parla di questo progetto politico di Gelli, il Piano di Rinascita. Ma cosa avviene? Gelli si era impegnato a modificare l’Italia per evitare il sorpasso. Ma quando Gelli riceve i soldi dagli americani fa i suoi affari e non pensa allo scopo fondamentale. Gli americani cominciano a sollecitarlo. E allora lui, come confidato a qualche suo collaboratore, non ce la fa più e si mette a scrivere così un progetto a caso. Tradisce gli americani mettendo da parte i fini politici”.

IL VERO ELENCO DELLA P2

Sui rapporti tra il capo della P2 e il Grande Oriente, così racconta davanti alla Corte d’Assise Di Bernardo: “Aveva una base molto forte. Ufficialmente tutti osannavano Gelli. Ma io ho avuto modo di capire che questo non era vero. Gelli, dopo la mia elezione, mi invia due lettere in cui mi chiede di essere riammesso al Goi. Io le leggo e informo la giunta che mi sono arrivate queste lettere e non faccio nulla. Una sera Eraldo Ghinoi mi viene a trovare e mi chiede se ho ricevuto le lettere. Io dico che, a parte la mia idea personale, Gelli non può né deve tornare. E che se anche io avessi voluto il suo rientro, l’avrei dovuto presentare in Gran Loggia con la certezza che sarebbe stato bocciato a grande maggioranza. E lui mi dice, ‘Qui ti sbagli. Prova a metterlo all’approvazione e vedrai che sarà approvato’. A questo punto mi dice, ‘Io sono amico di Gelli da tanto tempo’ e mi fa vedere una medaglia d’oro e platino ricevuta da Gelli. Io comincio a pensare: questa è la massoneria”.

Le manovre ‘persuasive’ di Gelli nei confronti del fresco numero uno del Goi per una riammissione, comunque, sono state diverse, e con promesse molto forti. In danaro ma soprattutto mediante la consegna dei ‘veri elenchi‘ della P2. Ecco le parole pronunciate da Di Bernardo: “Quello sequestrato dalla magistratura era un elenco solo parziale. Gelli mi offrì l’elenco vero della P2 tramite un suo emissario che commentò, ‘così puoi ricattare tutta l’Italia’. Non dico che non ci ho pensato, ma poi ho deciso di non procedere”.

E continua: “Dopo la mia elezione, chiede di incontrarmi il segretario personale del gran maestro Ennio Battelli (generale di brigata aerea iscritto alla loggia Garibaldi di Imperia, ndr). Questo segretario voleva fare una dichiarazione al gran maestro da firmare. Infatti lo incontro e mi dice che una sera Gelli si presenta nello studio del gran maestro Battelli con un grosso fascicolo e gli dice, ‘Questo è l’elenco della P2’. Battelli inizia a sfogliarlo e diventa di tutti i colori. Battelli chiude e dice a Gelli, ‘Riprendilo, questo io non l’ho mai visto’. E dice al suo segretario che i nomi che ha visto lì non li vuole dire. Il segretario si sente in dovere di fare questa dichiarazione. Io ho la cognizione che il vero elenco esiste ma non sappiamo dove. Questo avviene dopo che la loggia P2 è stata sciolta. Per sciogliere la P2 è stata necessaria la legge Anselmi, anche se non scioglie proprio nulla perchè contiene una contraddizione che contrasta con un articolo della Costituzione”.

QUELLE LOGGE COPERTE

Sul tema bollente delle logge coperte, ecco cosa ne pensa Di Bernardo: “Un giorno mi viene a trovare un personaggio calabrese che mi dice: ‘Gran Maestro, io sono all’obbedienza di Armando Corona della loggia coperta, però voglio sempre stare accanto al numero uno e voglio entrare nella sua loggia coperta’. E io dissi che per prendere in considerazione la sua richiesta avevo bisogno di un documento scritto. Così mi scrisse una lettera su carta intestata in cui allegò una foto con Corona vestito con paramenti massonici e mi fornì prova documentale dell’esistenza di una loggia coperta. Non ho mai saputo se fosse in Calabria, ma il soggetto che venne da me era un calabrese. Io a quel punto diedi tutto a Cordova. Le logge coperte sono di fatto dei comitati d’affari. Corona ha preso quegli imprenditori che secondo lui potevano essergli utili nei suoi progetti e li ha riuniti in una loggia coperta”.

In alcuni passaggi le parole dell’ex gran maestro Di Bernardo sembrano pronunciate da una vera Alice nel paese delle meraviglie. Come cadesse dal pero su tante vicende massoniche che ha scoperto solo dopo la sua nomina. E sorge spontaneo un interrogativo: ma come ha fatto ad essere eletto se era all’oscuro di tanti meccanismi e conosceva così poco tanti territori italiani?

Ciò detto, si tratta di una verbalizzazione per non pochi versi “storica”.

Di chi ha guidato per anni il Grande Oriente, lo ha ben conosciuto al suo interno e ha deciso di descriverne affari & connection.

Tra l’altro questa fresca testimonianza consente di ri-valorizzare quella prima maxi inchiesta firmata Cordova. Chissà perchè affossata tra le nebbie romane…

L’articolo LE RIVELAZIONI DEL GRAN MAESTRO GIULIANO DI BERNARDO / MASSONERIA, ECCO TUTTE LE CONNECTION proviene da Blondet & Friends.

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: