Privacy Policy

Italia pianifica di partecipare a Nuova via della seta cinese

L’Italia pianifica di firmare un memorandum d’intesa per diventare parte del progetto cinese Nuova via della seta (One Belt, One Road) entro la fine di marzo, una scelta che ha provocato critiche da parte degli Stati Uniti, riporta il Financial Times martedì.

Loading...

“I negoziati non sono ancora finiti ma è possibile che verranno conclusi in tempo per la visita del presidente cinese Xi Jinping” riporta la testata citando Michele Geraci, il sottosegretario del ministero dello Sviluppo Economico.

Gli Stati Uniti hanno affermato che è improbabile che il progetto aiuti l’Italia economicamente e che potrebbe danneggiare in modo significativo l’immagine internazionale del Paese.

Loading...

“Consideriamo la BRI come un’iniziativa “fatta dalla Cina, per la Cina”, ha affermato il rapporto citando Garrett Marquis, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca.

L’iniziativa One Belt, One Road, promossa dal presidente Xi Jinping, mira a collegare la Cina via mare e terra con l’Asia sud-orientale e centrale, il Medio Oriente, l’Europa e l’Africa, attraverso una rete d’infrastrutture sulle tracce della vecchia Via della seta.

Oltre a potenziare il commercio e gli investimenti, Xi Jinping mira a incrementare gli scambi in settori come la scienza, la tecnologia, la cultura e l’istruzione.

Fonte Sputniknews

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: