Privacy Policy

Martin Selmayr e lo strano suicidio alla corte di Bruxelles

La bomba l’ha sganciata Libèration. Secondo il giornale francese, infatti, Martin Selmayr, Segretario generale della Commissione europea, tedesco della Cdu e descritto come “una delle figure più potenti e influenti della commissione stessa”, è al centro di una storia fatta di veleni che farebbe impallidire gli sceneggiatori di pluripremiate serie televisive come House of Cards o 24.

Loading...

L’autore dello scoop intitolato “Selmayrgate, conflitti d’interesse, menzogne e…suicidio” è Jean Quatremer, giornalista di fama internazionale e prestigio indiscusso, già in passato autore di ficcanti retroscena su Bruxelles.

L’incipit dell’inchiesta è clamoroso: “Laura Pignataro s’è suicidata il  17 dicembre. Questa alta funzionaria del servizio giuridico della  Commissione Europea era stata costretta a difendere la nomina, macchiata di irregolarità, di Martin Selmayr, già capo di gabinetto di Jean-Claude Junker, come segretario generale dell’istituzione”.

L’inchiesta sull’eurocrate Martin Selmayr

Loading...

Bruxelles, 17 dicembre 2018, ore 7.30 del mattino. Secondo la ricostruzione di Quatremer, Laura Pignataro chiede a Lorenza B., la ragazza che l’ha ospitata per alcuni giorni, di accompagnare la figlia quattordicenne alla fermata dell’autobus per andare a scuola. Non si sente bene, si giustifica. Appena le due donne si salutano, l’avvocatessa sale all’ultimo piano dell’edificio e si getta nel vuoto. Muore all’istante. La polizia belga conclude rapidamente che si tratta suicidio. Ma perché questa donna italiana, una brillante giurista dalla carriera brillante, si sarebbe suicidata? 

E chi è Laura Pignataro? Non una persona qualunque. Come racconta Libèration, “contava nella cosiddetta bolla europea. Questa giurista italiana, figlia di un magistrato, formatasi in Italia, Stati Uniti, Francia e Spagna, faceva parte del gruppo chiuso di alti funzionari della Commissione”. Nel giugno 2016, prosegue, “è stata promossa a capo del dipartimento risorse umane del servizio giuridico della Commissione. È questa mansione che l’ha portata a ricoprire un ruolo chiave nella gestione del caso Martin Selmayr, ex capo dello staff tedesco di Jean-Claude Juncker”.

Come racconta Linkiesta, il potentissimo avvocato tedesco molto vicino ad Angela Merkel, “in meno di dieci anni è passato da semplice portavoce a segretario generale della Commissione, il ruolo amministrativo più importante dell’Unione europea” – che ricopre dal 1° marzo scorso. Per arrivarci, Seymar avrebbe scavalcato tutti, anche direttori generali molto più anziani e più esperti di lui. E ora il quotidiano francese collega il suicidio della Pignataro proprio alla scalata sospetta dell’avvocato “macchiata di irregolarità”. Una scalata che lascia spazio a moltissimi dubbi e anzi: c’è chi parla di un vero e proprio golpe.

La ricostruzione

“Panico”. Su pressione anche dei media, il 28 febbraio 2018 la commissione per il controllo del budget del Parlamento europeo invia 134 domande al fine di fare chiarezza sul “Selmayrgate”. Secondo quanto riportato dal giornale francese , il 24 marzo, 10 persone del Servizio giuridico, tra cui Pignataro, si riuniscono per preparare le risposte. Ad un certo punto, tuttavia, il potente eurocrate entra nella stanza e blocca tutto. 

Una seconda riunione per rispondere a nuove domande dei parlamentari è indetta il 2 aprile. Anche stavolta, il segretario generale fa sentire la sua pressione e influenza. Fonti anonime citate da Libération descrivono la Pignataro come furiosa per le violazioni al regolamento che le vengono imposte. A maggio entra in scena Emily O’ Reilly, mediatore europeo, ovvero “l’organo indipendente e imparziale che chiama le istituzioni e gli organismi dell’Ue a rispondere del loro operato e promuove la buona amministrazione”. O’Reillyvuole tutte le e-mail concernenti la nomina sospetta dell’avvocato tedesco e Laura Pignataro a quel punto decide di cedere e consegnare il materiale.

Naturalmente, Selmayr è letteralmente furioso. Secondo Quatremer “le impone di non parlare con nessuno”, la mette nella situazione di essere “obbligata a mentire”, “la chiama nel cuore della notte per darle delle direttive”. Il 12 dicembre, l’avvocatessa italiana confesserebbe agli amici tutta la sua frustrazione: “Sono finita”.

Lo strano suicidio di Laura Pignataro

Che pressioni avrebbe ricevuto Laura Pignataro tanto da doversi togliere la vita? “Né Martin Selmayr, né Günther Oettinger, commissario per l’amministrazione, né Juncker hanno ritenuto opportuno inviare le loro condoglianze alla famiglia, né di partecipare (o di essere rappresentati) alla cremazione tenuto 21 dicembre a Bruxelles”. D’altra parte, “quel giorno, tutti i funzionari hanno ricevuto un messaggio da Selmayr augurandoci buone feste. Siamo rimasti tutti scioccati”, racconta uno degli amici dell’italiana a Libèration.

Alla base del suo gesto tragico ci sono motivi non professionali? Libèrationsembra escludere questa pista. “Quelli che abbiamo intervistato la descrivono una donna che ama la vita e lo sport. “È difficile capire il suo gesto, era allegra, forte ed energica”, ricorda uno dei suoi ex capi, Giulano Marenco, vice direttore generale del dipartimento legale in pensione. Non si sentiva sopraffatta da nulla”.

La replica della Commissione

Nelle scorse ore, la Commissione europea ha replicato alle accuse mosse dall’inchiesta del giornale francese. “La Commissione europea respinge il contenuto dell’articolo nel modo più forte possibile – si legge in una nota -. Si basa su una richiesta completamente sbagliata e su “fonti” anonime. Fa accuse inaccettabili che non hanno nulla a che fare con la realtà di ciò che è agli occhi del pubblico”.

La morte della nostra brillante collega, prosegue, “direttore del servizio giuridico, a cui si è fatto riferimento nell’articolo, è stato uno shock per tutti noi che abbiamo avuto il privilegio e la possibilità di conoscerla e lavorare con lei”. Per la commissione, che cita la polizia belga, la vicenda è chiusa: “suicidio in un contesto privato”. 

Fonte Gli Occhi della guerra

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: