Privacy Policy

Pd, Nicola Zingaretti indagato. L’accusa è finanziamento illecito

Bomba sul Partito Democratico. Mentre i sondaggi segnalano per la prima il sorpasso del Pd sul Movimento 5 Stelle, proprio a poche settimane dalle Europee, esce la notizia che il nuovo segretario dem Nicola Zingaretti è indagato per finanziamento illecito.

Loading...

IL COMMENTO DI ZINGARETTI: FIDUCIA NELLA GIUSTIZIA, LE BASSEZZE DEL M5S NON MI INTIMIDISCONO – “In merito all’articolo dell’Espresso sulla mia iscrizione nel registro degli indagati della Procura di Roma per un presunto finanziamento illecito, voglio affermare di essere estremamente tranquillo perche’ forte della certezza della mia totale estraneita’ ai fatti che, peraltro, sono stati riferiti come meri pettegolezzi de relato e senza alcun riscontro, come affermato dallo stesso articolo del settimanale. Mai nella mia vita ho ricevuto finanziamenti in forma illecita e attendo quindi con grande serenita’ che la giustizia faccia tutte le opportune verifiche per accertare la verita’”. Lo dice il segretario del Pd Nicola Zingaretti. “Quanto al Movimento 5stelle e alle loro scomposte dichiarazioni: comprendo la loro disperazione per il disastro politico che stanno combinando, per essere da mesi succubi del loro alleato di governo, per essere in caduta libera nel gradimento dei cittadini e per le batoste elettorali avute in Abruzzo e Sardegna. Ma se pensano di aggrapparsi alle fantasie di qualcuno sbagliano di grosso. Non mi faccio intimidire da chi utilizza queste bassezze. Se ne facciano una ragione”.

IL CASO, ECCO COSA SCRIVE L’ESPRESSO – Nicola Zingaretti sarebbe indagato dalle procure di Roma e Messina per finanziamento illecito, come riporta il settimanale L’espresso on line. E’ quanto risulta dalle dichiarazioni fatte dagli avvocati siciliani Piero Amara e Giuseppe Calafiore, arrestati nel febbraio 2018 per corruzione in atti giudiziari e che un mese fa hanno patteggiato 3 e 2,9 anni a testa. L’Espresso ha letto gli interrogatori inediti dei due legali in cui descrivono ai pm il loro modus operandi, facendo nomi e circostanze di altri big della magistratura e della politica. Sott’inchiesta ci sarebbe anche Silvio Berlusconi, per corruzione in atti giudiziari su una sentenza dei giudici del Consiglio di Stato che, secondo l’accusa, gli consenti’ di non cedere parte del pacchetto azionario di Mediolanum, come aveva invece stabilito la Banca d’Italia. Per quanto riguarda Zingaretti l’inchiesta e’ portata avanti dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Stefano Fava e prende spunto dalle dichiarazioni di Calafiore. Il governatore e’ stato citato dal socio di Amara in un interrogatorio dello scorso luglio, su alcune domande dei pm su Fabrizio Centofanti, ex capo delle relazioni istituzionali di Francesco Bellavista Caltagirone che, diventato imprenditore, era in affari con lo Amara e in buoni rapporti con Zingaretti. Inoltre, era sicuro di non essere arrestato grazie a erogazioni fatte per favorire l’attivita’ politica di Zingaretti. Come risulta dai verbali, i pm chiedono a Calafiore se si tratti di erogazioni lecite e l’avvocato risponde: Assolutamente no, per quanto egli mi diceva. Non so con chi trattava tali erogazioni. Lui mi parlava solo di erogazioni verso Zingaretti. Mi disse che non aveva problemi sulla Regione Lazio perche’ Zingaretti era a sua disposizione. Me lo ha detto piu’ volte, prima della perquisizione. Finora prove di presunte erogazioni non sono state trovate.IL MOVIMENTO 5 STELLE ALL’ATTACCO DI ZINGARETTI

PD: PARAGONE (M5S), SE NOTIZIA ESPRESSO CONFERMATA ZINGARETTI FACCIA PASSO INDIETRO
 – “Apprendiamo dall’Espresso un fatto che, se confermato, sarebbe gravissimo: Nicola Zingaretti risulterebbe indagato per un presunto finanziamento illecito. Mi auguro che il neo segretario del Pd smentisca questa notizia, altrimenti faccia un passo indietro. Certo, sarebbe veramente un pessimo inizio…”. Così, in una nota, il senatore del Movimento 5 Stelle, Gianluigi Paragone.

Loading...

ZINGARETTI, SILVESTRI (M5S): NEL PD PRATICHE VERGOGNOSE DURE A MORIRE – “Spunta il nome di Nicola Zingaretti nelle indagini per finanziamento illecito che sta portando avanti la procura di Roma. Se i fatti, che riporta oggi L’Espresso, fossero accertati, sarebbe fin troppo semplice dire che il Pd, come il lupo, perde il pelo ma non il vizio. E che certe pratiche vergognose di una certa classe politica sono dure a morire. Non è la prima volta che il neosegretario del PD finisce sotto indagine, era già capitato con Mafia Capitale: di certo, per il suo partito non è un bel segnale. Ci aspettiamo che faccia immediatamente chiarezza”. Così Francesco Silvestri, vicepresidente del MoVimento 5 Stelle alla Camera.

ZINGARETTI, M5S: NIENTE DI NUOVO, QUESTO E’ IL SOLITO PD – “Il ‘nuovo’ PD riparte alla grande e per tenere fede alla propria storia il neosegretario Zingaretti, almeno secondo quanto rivela L’Espresso, avrebbe subito collezionato un’iscrizione nel registro degli indagati per finanziamento illecito. Nell’inchiesta, portata avanti dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Stefano Fava, infatti, si fa il nome di Zingaretti come uomo di fiducia di un lobbista romano, arrestato nel 2018, un tale Centofanti. Non basta dare una imbiancata alla facciata se il palazzo cade a pezzi: e all’interno di quel palazzo i pezzi sono rimasti tutti saldamente al loro posto. E il modus operandi non è cambiato. Il PD e i suoi elettori dovrebbero cominciare a farsi qualche domanda. E Zingaretti dovrebbe iniziare a spiegarci qualcosa in più su queste presunte donazioni, se ne è in grado: altrimenti sarebbe il caso di fare un passo indietro”. Così in una nota Vittoria Baldino, portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei deputati.

Pd: Di Stefano (M5s), indagato per finanziamento illecito? Si dimetta – “Questo sarebbe il nuovo che avanza? Il neo segretario del Pd, Nicola Zingaretti – se venisse confermato quanto riportato da L’Espresso – sarebbe indagato per finanziamento illecito. Cambiano i segretari ma gli affari oscuri sembrano rimanere di casa nel Pd. Zingaretti abbia il pudore di mollare la nuova poltrona”. Cosi’ in una nota Manlio Di Stefano, sottosegretario M5s agli Affari esteri.

Pd: M5s, Zingaretti indagato, bel battesimo per il segretario – “Nemmeno pochi giorni da segretario del Partito democratico e gia’ viene indagato per finanziamento illecito, secondo l’Espresso. Un bel battesimo che non sorprende, visto che era gia’ stato indagato per Mafia Capitale. Perdi il pelo ma non il vizio: bentornato Pd, ci eri mancato”. Lo dice il M5s in una nota.

Fonte Affaritaliani

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: