Privacy Policy

LA GERMANIA SFIDA GLI STATI UNITI, RIFIUTA LA SPESA MILITARE E LE INTROMISSIONI NELLE SUE QUESTIONI INTERNE

di Finniam Cunningham

Loading...

Questo diventerà molto brutto. La Germania sta apertamente sfidando le richieste del presidente Trump di spendere di più per il suo bilancio NATO. L’ambasciatore americano nel paese si sta già lamentando per le richieste della sua espulsione.

Di tutti i paesi dell’Unione Europea, è la Germania quella che è stata per lo più oggetto dell’ira di Trump da quando lui è entrato alla Casa Bianca. In due anni, il rapporto bilaterale tra Washington e Berlino è crollato sotto il peso degli attacchi verbali irritanti di Trump.
Il presidente americano ha attaccato la Germania per pratiche commerciali sleali sulle sue redditizie esportazioni di auto; e ha virtualmente accusato Berlino di tradimento nei suoi rapporti con la Russia per l’approvvigionamento di gas naturale, minacciando di varare sanzioni economiche alle imprese tedesche sul progetto del gasdotto Nord Stream 2 sotto il Mar Baltico che porterà il gas dalal Russia.
La Germania ha respinto con veemenza le accuse di Trump, dicendo che la sua industria automobilistica è un grande investitore nella creazione di posti di lavoro americani e che le sue politiche energetiche sono una questione sovrana basata su principi di mercato oggettivi.

NATO Secretary-General Jens Stoltenberg
Loading...

Ma soprattutto le sue lamentele, Trump ha continuamente rimproverato la Germania per non aver speso abbastanza per gli impegni della NATO,sostenendo che il paese sta caricando di risorse sulla protezione militare americana. In un vertice della NATO dello scorso anno, Trump ha insistito istericamente verso il cancelliere tedesco Angela Merkel per far aumentare il budget militare annuale del suo paese verso l’obiettivo designato dalla NATO del 2 per cento del prodotto interno lordo (PIL).

Per molti anni, soprattutto dopo la fine della Guerra Fredda, la spesa militare tedesca è rimasta inferiore all’1 per cento del PIL. Trump sostiene che, in quanto maggiore economia nazionale d’Europa, Berlino dovrebbe almeno raddoppiare il suo bilancio per la difesa.

Le cifre più recenti, tuttavia, mostrano che la spesa militare tedesca non è affatto vicina al raggiungimento dell’obiettivo del 2% su cui Trump sta fulminando. In effetti, la tendenza sembra essere quella di un calo delle spese di Berlino a livello militare, non in aumento.

Ciò ha provocato all’inizio di questa settimana la polemica dell’ ambasciatore statunitense Richard Grenell per denigrare il “fallimento” della Germania di non essere all’altezza dei suoi impegni NATO.

Grenell è una specie di megafono di Trump. Non è la prima volta che l’inviato ha arringato la Germania in termini che il suo capo alla Casa Bianca avrebbe potuto quasi scrivere per lui. Grenell sta attaccando Berlino sul progetto del gas Nord Stream 2 con la Russia e nei suoi rapporti con il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei.
Le sue condanne di questa settimana sul bilancio militare della Germania hanno di nuovo innescato furore tra i politici e i media del paese, suscitando ulteriori richieste pubbliche per l’espulsione dell’inviato a causa della sua presunta pesante interferenza negli affari interni di Berlino. “Un ambasciatore non dovrebbe comportarsi come il portavoce di una potenza occupante”, ha detto Wolfgang Kubicki, il vice leader del Partito Democratico Libero.

Il New York Times questa settimana ha riferito che “i tempi non potrebbero essere peggiori” per le relazioni USA-Germania. Il mese prossimo segna il 70 ° anniversario della fondazione dell’alleanza NATO. Per l’occasione si terrà una grande festa a Washington DC. L’atmosfera sarà gravemente raffreddata dalla truculenta sfida tedesca di Trump per rafforzare il suo impegno nei confronti della NATO.

Su una trentina di membri del blocco NATO guidato dagli Stati Uniti, solo sette paesi sono riusciti a elevare i loro budget militari al 2% del PIL target a cui Trump ha chiesto a gran voce. Quella cifra obiettivo precede la presidenza di Trump. Ma dalla fine della Guerra Fredda, molti membri europei della NATO hanno ridotto le spese militari. Trump ha reso questo un problema ossessivo e ha addirittura minacciato di far uscire gli Stati Uniti dalla NATO se i membri europei non ne traggono il peso finanziario.

La Germania e gli altri dovrebbero chiamare il bluff di Trump e dire “vai avanti!”, “scopri le carte” – metti fuori truppe, missili e aerei da guerra dall’Europa. Le forze americane in Europa non hanno mai parlato di “protezione” e hanno sempre avuto a che fare con la “proiezione” del potere egemonico americano sui vassalli europei, in particolare, per impedire un normale e naturale rapporto con la Russia.

L’ossessione americana della spesa militare deve essere fortemente contestata. A cosa serve questa dipendenza patologica? Ovviamente si tratta di mungere l’economia civile dei paesi europei per far ingrassare i profitti delle gigantesche società militari USA. È un racket che richiede l’avvelenamento delle relazioni internazionali con la Russia e la Cina, tra gli altri, al fine di sostenere la sciarada della sifonia dal denaro pubblico.

La più grande minaccia alla sicurezza per le società occidentali è la massiccia crescita della povertà, della privazione e della disuguaglianza, secondo un nuovo rapporto dell’OCSE. L’intero allarmismo nei confronti della Russia e di altri “nemici stranieri” è uno stratagemma risibile per l’osceno uso improprio di denaro pubblico da parte di un complesso militare-industriale che è un colossale parassita della società. Una risibile contraddizione è che Trump dovrebbe essere un “burattino russo”, secondo i suoi nemici politici interni, eppure sta spingendo il pretesto anti-russo a nome dei profitti del complesso militare-industriale più di ogni altro presidente.

La Germania e la maggior parte dei membri della NATO hanno ragione di ignorare il dettato di Trump riguardo alla dubbia spesa per la difesa. Il denaro sarebbe molto meglio investito in uno sviluppo sociale produttivo e realmente benefico.

Si intuisce una resa dei conti incombente tra Washington e Berlino. La Germania da troppo tempo si sta lasciando prendere a calci da una “potenza occupante” americana. Sotto Trump, l’umiliazione offensiva è diventata solo più acuta. Per quanto tempo Berlino può tollerare questo abusatore di strada? Soprattutto quando c’è una crescente opposizione nel pubblico tedesco e in quello europeo in generale disprezzando il padrone e i suoi dettati americani.

Fonte: Sputnik
Traduzione: Luciano Lago

Da controinformazione

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: