Privacy Policy

Grecia: il Governo cede all’Ue e facilita i pignoramenti delle prime case per avere un miliardo di profitti sui suoi bond

Il Parlamento approva la legge che attenua la protezione sulle abitazioni, la condizione posta dall’Eurogruppo per sbloccare la prima tranche di profitti che spettano ad Atene

By Claudio Paudice

Loading...

Nonostante l’uscita dal terzo piano di salvataggio festeggiata il 20 agosto scorso, i margini d’azione del Governo di Alexis Tsipras per mitigare gli effetti della dolorosa crisi economica per i cittadini greci sono sempre più limitati. Il tempismo dell’azione politica di Atene tradisce la perenne sudditanza alle condizioni poste dai creditori internazionali. Con un voto a netta maggioranza, il Parlamento greco ha approvato la proposta del Governo per modificare le norme che proteggono dai pignoramenti le prime case di chi ha contratto debiti con le banche, la cosiddetta legge Katseli dal nome del ministro che la presentò durante la fase più critica della crisi, scaduta a fine 2018 e poi prorogata per pochi mesi. Il superamento dell’impianto originario, giudicato dai creditori troppo generoso verso i cittadini inadempienti, è stato posto come condizione indispensabile dall’Eurogruppo per l’erogazione ad Atene dei profitti derivanti dalle sue obbligazioni, detenuti dalla Bce e altre banche centrali dell’Eurozona. L’approvazione di tredici misure sulle sedici concordate con le istituzioni europee, portata sul tavolo Ue a marzo scorso, non è stata sufficiente per i funzionari di Bruxelles a sbloccare la prima tranche dei 4,8 miliardi di euro che devono rientrare nelle casse greche entro il giugno del 2022 in ripartizioni semestrali.

Mancava il superamento della Legge Katseli, come ammesso candidamente dal Commissario Ue Pierre Moscovici. La proposta è stata presentata martedì al Parlamento. E prevede che le abitazioni dei debitori fino a un valore di 250mila euro siano escluse dai pignoramenti. Tante le condizioni poste per l’accesso alla protezione: il debitore deve avere un reddito familiare pari 12500 euro se nucleo familiare singolo, 21mila euro se coniugato più cinquemila euro per ogni figlio minore fino a un reddito complessivo massimo di 36mila euro. Al tempo stesso, è stato sensibilmente ridotto il massimale del deposito bancario dei mutuatari, passato da 65mila euro proposto da Atene a 15mila euro.

Loading...

Condizioni stringenti, ma giudicate comunque insufficienti. Per la prima volta, quindi, sono state introdotte peculiarità per le aziende con la residenza primaria a garanzia del mutuo. Per i prestiti commerciali infatti la soglia di protezione della residenza è più bassa, fissata a 175mila euro. E il valore del patrimonio e/o dei veicoli del debitore e dei suoi familiari non può superare 80mila euro. Nel caso in cui il debitore voglia proteggere la sua prima casa, si impegna a pagare il 120% del suo valore commerciale a rate mensili, a un tasso di interesse pari all’Euribor a tre mesi più il 2%. Il Governo offre il suo aiuto ai mutuatari con un fondo pubblico da 200 milioni di euro.

L’ultima modifica, inserita dal Governo in extremis giovedì a soli due giorni dalla presentazione della riforma, riguarda proprio i prestiti commerciali: inizialmente la protezione degli immobili era stata fissata per prestiti inferiori a 130mila euro. Per i creditori non era sufficiente, il Governo li ha accontentati: con un emendamento dell’ultimo minuto il tetto è stato abbassato a 100mila euro.

Per provare a giustificare le concessioni, il ministro dell’Economia Yiannis Dragasakis ha dichiarato che il governo ha fatto quanto poteva “per avere il via libera, per andare avanti, per necessità e non per desiderio”. Ora il Governo Tsipras si aspetta che il prossimo Eurogruppo del 5 aprile dia luce verde allo sblocco dei profitti maturati dalle altre banche sui suoi bond. È solo la prima tranche dei quasi cinque miliardi che spettano ad Atene, pagata a prezzo altissimo sul piano reputazionale, prima ancora che sociale.

Fonte HuffPost

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: