Privacy Policy

VENEZUELA. FINISCE NEL RIDICOLO IL TENTATO GOLPE DI JUAN GUAIDÒ E DI UN GRUPPO DI MILITARI DISERTORI

Che fosse un burattino della CIA e del Dipartimento di Stato USA Juan Guaidò era cosa nota da tempo me che si esponesse alla figura di inscenare un tentativo di colpo di Stato teatrale quanto patetico, ad uso delle tv occidentali e dei social media, non si poteva facilmente prevedere.
Invece è accaduto nelle vicinanze della base aerea della Carlotta, a Caracas, dove fra l’altro non sono riusciti neppure ad entrare, Guaidò ed un gruppo di militari, alcuni disertori altri convocati con l’inganno (si attendevano la consegna di un riconoscimento), hanno proclamato solennemente che era in corso una presa del potere per spodestare il presidente Maduro e il suo governo da Miraflores ed affidare il potere “al popolo”, secondo lui rappresentato da un gruppo di golpisti al suo seguito, a libro paga del Dipartimento di Stato USA. 
Il suo appello ai militari a ribellarsi ed a mettersi a disposizione dalla sua parte è caduto nel vuoto e i massimi esponenti miltari del paese hanno immediatamente sconfessato il tentativo golpista ribadendo la fedeltà alla Repubblica Bolivariana ed al suo presidente.
L’assembramento è stato subito sciolto mediante l’esplosione di lacrimogeni per far desistere i facinorosi dal loro tentativo di insurrezione. Nei video trasmessi, oltre a Guaidó, è apparso un altro influente politico dell’opposizione, Leopoldo Lopez, che si trovava in stato d’arresto il quale, a suo dire, è stato liberato dai militari che, passati sotto il suo domicilio, lo hanno chiamato a gran voce ed invitato a scendere. Il Lopez si è aggregato anche lui alla allegra comitiva per inscenare questo maldestro tentativo a cui il popolo del Venezuela ha risposto negando il suo appoggio e i militari hanno rifiutato di aderire ad un possibile conflitto fratricida, fratelli contro fratelli per favorire gli interessi del potere USA, ansioso di mettere le mani sulle risorse del Venezuela.

Loading...
militari della Guardia Nacional


Subito dopo il tentato golpe, il presidente Maduro ha invitato tutti alla mobilitazione dichiarando in un comunicato: “Nervi d’acciaio. Ho parlato con i comandanti di tutte le Regioni di difesa strategica integrale (REDI) e le Zone di operazione di difesa integrale (ZODI) e mi hanno dichiarato la loro completa fedeltà al popolo, alla costituzione e alla patria. Ho fatto appello alla massima mobilitazione popolare per affermare la vittoria della pace. Vinceremo”, ha scritto Maduro su Twitter.
Anche per questa volta il tentativo degli agenti USA in Venezuela è fallito senza spargimento di sangue ma ci saranno da aspettarsi altri tentativi da parte delle forze dell’opposizione sobillate da Washington.
Il Manuale della CIA per il “cambio di regime”, quello applicato a Maidan (Kiev), in Crimea, in Libia ed in altri paesi, in Venezuela ancora non riesce a funzionare, Johon Bolton e Mike Pompeo cercheranno di aggiornarlo.

Fonti: Telesur Hispan Tv

Loading...

Traduzione: Luciano Lago

Fonte Controinformazione

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: