Privacy Policy

IL GIAPPONE SMENTISCE LE MENZOGNE DI POMPEO SUGLI ATTACCHI ALLE NAVI NEL GOLFO

di Joaquin Flores

Loading...

La False Flag Di Pompeo È Stata Rifiutata Dall’autorità Dei Media Giapponese – L’autocisterna Colpita Da Un Oggetto Volante, Non da una mina – Conferma Il Lavoratore In Loco

TOKYO ( con NHK) – L’agenzia di notizie dello stato giapponese NHK ha rivelato che i lavoratori della petroliera hanno visto un aereo volare verso la petroliera prima dell’esplosione. Gli Stati Uniti stanno attribuendo la colpa agli attacchi alla nave cisterna sull’Iran. Teheran nega l’accusa.

Loading...

L’agenzia media di stato giapponese ha preso la linea: “Petroliera colpita da un oggetto volante, non da mina”, nel citare i lavoratori giapponesi sulla nave. Ora l’operatore giapponese di una delle petroliere sta fornendo nuovi dettagli su quello che è successo, in una rivelazione importante che confuta le affermazioni di Mike Pompeo degli Stati Uniti.

Il presidente della compagnia di spedizioni di Tokyo Kokuka Sangyo dice che la sua nave cisterna è stata investita da un proiettile in arrivo. Dice che diversi membri dell’equipaggio hanno assistito alla fonte della seconda esplosione. Yutaka Katada, presidente di Kokuka Sangyo ha detto,

“Ho ricevuto rapporti che hanno visto qualcosa venire verso di loro, poi c’è stata un’esplosione e poi c’è stato un buco nella nave”.

Ha negato che la petroliera sia stata colpita da una mina galleggiante, da un siluro o da un esplosivo collegato come era stato precedentemente segnalato. Ha detto che il danno era molto al di sopra del livello du galleggiamnto della nave.

Questa versione di eventi confuta completamente le affermazioni fatte da Mike Pompeo degli Stati Uniti, il quale ha affermato che le mine iraniane sono la causa dell’esplosione:

“Questa valutazione si basa sull’intelligence, sulle armi utilizzate, sul livello di esperienza necessario per eseguire l’operazione, sui recenti attacchi iraniani simili alle spedizioni e sul fatto che nessun gruppo di delegati che opera nell’area ha le risorse e la competenza per agire con tale alto grado di sofisticazione “, ha deto Pompeo.

Pompeo da parte sua non ha rilasciato alcuna prova per sostenere le sue affermazioni.

“Kokuka Courageous” e un’altra nave cisterna di proprietà di una compagnia di navigazione norvegese sono stati attaccati giovedì nelle acque internazionali vicino allo Stretto di Hormuz, una rotta chiave per il trasporto di petrolio, come riportato da FRN.

I membri dell’equipaggio di entrambe le navi sono stati salvati, ma una persona è rimasta ferita. La nave cisterna giapponese è ora in viaggio per gli Emirati Arabi Uniti.

Gli Stati Uniti incolpano l’Iran. I suoi militari hanno rilasciato un video che presumibilmente mostra la Guardia rivoluzionaria del paese che rimuove una mina inesplosa da una delle navi cisterna. Si crede che una mina sia tale che può essere fatta detonare a distanza.

Armatore giapponese, Kokuka Sangyo , smentisce versione di Pompeo

Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato: “Questa valutazione si basa sull’intelligence, sulle armi utilizzate, sul livello di esperienza necessario per eseguire l’operazione, sui recenti attacchi iraniani simili alle spedizioni e sul fatto che nessun gruppo di delegati operante nella zona ha il risorse e competenza per agire con un alto grado di sofisticazione “.

Teheran sta negando qualsiasi coinvolgimento. Il ministro degli Esteri iraniano ha twittato che gli Stati Uniti stanno facendo accuse senza uno straccio di prove fattuali o circostanziali, accusando gli Stati Uniti di “sabotaggio diplomatico”.

Il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha tenuto una riunione di emergenza a porte chiuse giovedì su richiesta degli Stati Uniti.

L’ambasciatore degli Stati Uniti d’America, Jonathan Cohen, ha dichiarato: “Ho chiesto al Consiglio di sicurezza di rimanere al corrente di questa questione. E mi aspetto che avremo ulteriori conversazioni su come rispondere nei giorni a venire “.

L’ambasciatore del Kuwait, attualmente presidente rotante del Consiglio, ha detto ai giornalisti che “non hanno discusso alcuna prova” che potrebbe aver dimostrato che l’Iran era dietro l’azione.

Gli attacchi arrivarono mentre il primo ministro giapponese era in Iran per cercare di allentare le tensioni tra Teheran e Washington.

Gli esperti ipotizzano che gli Stati Uniti fossero dietro l’attacco, e lo hanno spinto per inasprire le relazioni tra Giappone e Iran e per creare una causa per la guerra o un’ulteriore azione ostile contro la Repubblica islamica.

A Tokyo, i ministri giapponesi stanno discutendo su cosa fare dopo. Il ministro dei trasporti Keiichi Ishii ha dichiarato: “Non conosciamo i dettagli dell’attacco, compreso chi è responsabile. stiamo raccogliendo informazioni dalle persone interessate e abbiamo allertato le navi giapponesi che navigano nella regione attraverso un’associazione commerciale correlata “.

Il ministro della Difesa Takeshi Iwaya ha dichiarato: “In questo momento, non ci è stato chiesto di inviare le forze di autodifesa del Giappone. Quindi, non abbiamo un piano per inviare le unità nella regione vicino allo Stretto di Hormuz per rispondere a questo incidente “.

Iwaya ha aggiunto che i cittadini giapponesi non sono a rischio in questo momento, ma se questo dovesse cambiare il governo farebbe un giudizio diverso.

La posizione di NHK rivela di per sé che le relazioni tra Giappone e Stati Uniti sono tese, in quanto le autorità giapponesi non incoraggerebbero la NHK né consentirebbero ai lavoratori della nave di fare reportage pubblici e affermazioni che contraddicano quelle di Pompeo e dell’amministrazione americana.

Il modo in cui la sfera dei media e dell’intelligence giapponese ha gestito questo evento finora dà credito alla pretesa del primo ministro giapponese Abe che la sua missione a Teheran era cercare soluzioni reali e non di consegnare una lista proposta o desiderata dagli Stati Uniti.

Nota: Naturalmente tutti i media atlantisti riportano la versione di Pompeo e del Dipartimento di Stato USA mentre quasi nessuno cita il rapporto dell’armatore giapponese che smentisce la versione USA.

Fonte: Fort Russ

Traduzione : Sergei Leonov

Fonte Controinformazione

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: